"Élite": parola su cui riflettere

Mamma mia che strana situazione in cui siamo sprofondati! Viviamo in un mondo talmente fuggente che persino l'uso delle parole rischia talvolta di diventare distorcente per una loro modificazione sostanziale che si afferma nel tempo, ma si sa che nella semantica - che studia il significato delle parole - ci sono dei salti bruschi frutto di una evoluzione di cui ci si può lamentare ma bisogna limitarsi a prenderne atto.
Pensiamo al francesismo "élite" al singolare o al plurale. Il sito "La Toupie" ricorda l'etimologia, che è semplice: "du latin eligere, choisir, trier, élire".
E poi cristallizza il significa di un tempo: "Au sein d'un groupe ou d'une communauté, l'élite est l'ensemble des individus considérés comme les meilleurs, les plus dignes d'être choisis, les plus remarquables par leur qualité. Exemple: une troupe d'élite, un tireur d'élite, l'élite intellectuelle. L'élite est une minorité qui se distingue du groupe auquel elle appartient et à laquelle on reconnaît une supériorité, une autorité morale".
Così aggiunge l'italianissima "Treccani": "élite ‹elìt› sostantivo femminile, francesismo (femminile sostantivato di "élit", antico participio passato di "élire, scegliere"). L'insieme delle persone considerate le più colte e autorevoli in un determinato gruppo sociale, e dotate quindi di maggiore prestigio: "l'élite della società o di una società"; "l'élite intellettuale della città, del Paese"; "fare parte dell'élite o di una élite"; come locuzione aggiuntiva, "d'élite", "destinato a una élite", e quindi particolarmente scelto o raffinato: "uno spettacolo d'élite" (vedi anche "elitario"). In particolare, nella sociologia di Vilfredo Pareto (1843-1923), gli individui, più capaci in ogni ramo dell'attività umana, che, in una determinata società, sono in lotta contro la massa dei meno capaci e sono preparati per conquistare una posizione direttiva".
Ma sempre "La Toupie" aggiunge l'avvenuta trasformazione, direi persino agli antipodi delle origini della parola: "mot "élites", au pluriel, est utilisé avec une connotation négative lorsque l'accent est mis sur la domination d'une catégorie sociale sur les autres et la contestation de sa légitimité".
Questa l'evidente differenza con il passato: "Dans l'Antiquité, l'élite est liée à la recherche de la perfection esthétique, de l'exemplarité spirituelle (Grèce) ou citoyenne (Rome). Au XVIIe siècle, l'élite est composée des "honnêtes hommes", avec pour fondement la mesure et l'élégance, avant de céder la place aux élites "économiques" au XIX et XXe siècle".
Affondiamo perciò in un altro francesismo anch'esso diventato con il passare degli anni spregiativo: "L'élitisme est une attitude ou un système politique qui cherche à former ou à sélectionner une élite au détriment des autres membres du groupe, de la communauté ou de la société. Il privilégie l'accession des individus considérés comme les meilleurs aux postes de responsabilité".
Ma esiste un prima, che traghetta al poi: "L'élitisme est, initialement, une valeur républicaine dans la mesure où il a pour but de permettre aux citoyens les plus talentueux d'effectuer des carrières qui, sous l'Ancien Régime, étaient réservées aux détenteurs de titres de noblesse. Il s'est traduit notamment par la mise en place d'un système de bourses pour les enfants d'origine modeste et par la création de la filière des grandes écoles ouvertes à tous. L'élitisme républicain a toutefois montré ses limites dans la mesure où la maîtrise de la langue française et les réseaux sociaux sont restés de puissants facteurs de discrimination. Depuis la fin du XXe siècle, le terme "élitisme" prend souvent une connotation négative en soulignant une attitude qui tend à défavoriser la masse et qui instaure un clivage entre dirigeants et dirigés".
Questo è un punto cardine nella polemica populista contro "élites", "poteri forti", "lobbies", multinazionali, "grandi cupole" e via di questo passo. Il "Male assoluto" prende queste forme, cui si possono associare massonerie varie, "gruppo Bindelberg", internazionali cospirative, "Soros e c.". Esiste un complottismo paranoico che scende poi verso il basso con disprezzo verso la cultura e lo studio come elemento che turba logiche egualitaristiche di democrazia diretta che naturalmente corre sul Web.
Sommessamente - molto sommessamente - credo che, fatta salva la libertà di credere in qualunque disegno malvagio e schierarsi contro qualunque forma si ritenga pericolosa, vorrei sdoganare "élite" dalla gabbia in cui è stata chiusa e pensare, ad esempio, che in una realtà piccola come la Valle d'Aosta avere un'élite (non "élitaria", scusate il calembour) che sappia affrontare i temi veri ed i problemi concreti non sia un'eresia in un periodo di spappolamento della politica tradizionale.

Quel che non torna nei #giletsjaunes

Ormai da molti mesi in Francia i "gilets jaunes" (la loro divisa è infatti il giubbotto catarifrangente da auto) si riuniscono il sabato per manifestare. Al successo iniziale con folle in tutto il Paese è seguito un lento calo del numero dei partecipanti, ma questa loro logica anti-sistema pare, nei sondaggi, piacere ai francesi, che pure hanno lasciato ad un numero ormai molto ristretto i blocchi stradali ed i cortei.
Gli ultimi fatti preoccupano e mostrano l'avventatezza dei leader dei "Cinque Stelle" volati a Parigi per un'alleanza con i protestatari per le "Europee", che ha pure aperto una crisi diplomatica con la Francia, ricucita dal Quirinale.
Molti avranno letto su "La Stampa" di ieri l'editoriale del direttore Maurizio Molinari, di cui cito la prima parte: «L'aggressione dei "gilet gialli" contro il filosofo francese Alain Finkielkraut ci dice che il più pericoloso antisemitismo è tornato nel cuore dell'Europa. A descriverlo è quanto avvenuto in boulevard Montparnasse, a Parigi, nella giornata di ieri. Un gruppo di "gilet gialli" ha riconosciuto il filosofo, lo ha spinto in un angolo e mentre lui era spalle al muro uno dei manifestanti gli si è avvicinato, gli ha puntato l'indice contro ed ha iniziato a gridare "noi siamo il popolo, noi siamo il popolo". Altri "gilet gialli" sono arrivati, Finkielkraut si è allontanato protetto da alcuni passanti e dietro di lui i manifestanti gli hanno gridato: "Torna a Tel Aviv", "Palestina, Palestina", "vi cacceremo". Più il filosofo era lontano, più le grida dei "gilet gialli" crescevano, con i singoli che si toglievano mascherine e passamontagna per meglio gridare la propria rabbia. La sovrapposizione fra esaltazione del "popolo", insulti antisemiti, odio antisionista e promesse di espulsioni rappresenta quanto di più simile e contemporaneo può esserci alla dinamica con cui si innesca l'odio antiebraico nelle piazze, identificando nella casuale vittima di turno il male assoluto, da additare ed estirpare per il "bene delle masse". E' la stessa feroce dinamica con cui si originavano i pogrom in Russia al tempo degli zar, in Germania al tempo dei nazisti e nei Paesi arabi - da Baghdad a Tripoli - fra gli Anni Quaranta e Cinquanta. Ciò significa che nelle viscere dei movimenti di protesta presenti in Francia - e forse in altri Paesi d'Europa - alberga la più buia, miope e aggressiva delle intolleranze».
Mi verrebbe da aggiungere: basta con le violenze fisiche e verbali, che innescano un clima pericoloso e chi gioca partite antidemocratiche sappia che gioca con il fuoco.
Lo storico Marc Knobel ha scritto su "L'Obs": «Le mouvement des "gilets jaunes" est loin d'être homogène. Les revendications disparates et contradictoires s'ajoutent les unes aux autres, depuis plusieurs semaines. Les "gilets jaunes" disent se battre contre les taxes et les impôts, la cherté de la vie, l'injustice sociale, pour une plus grande représentativité démocratique et une plus juste solidarité.
Il est vrai que la pauvreté et la misère affectent des millions de Français: travailleurs, ouvriers, chômeurs, déclassés, agriculteurs sacrifiés, classe moyenne, retraités, jeunes... Ces gens se sentent abandonnés par les technocrates, la classe politique. L'injustice, l'isolement, l'abandon, la paupérisation sont insupportables, nous le soulignons ici»
.
Prosegue la riflessione: «Mais, pour se faire entendre par la classe politique, le président et le gouvernement, doit-on casser et brûler? N'avons-nous pas assisté ces derniers temps à des scènes d'une violence inouïe, dans un Paris outragé et violenté, également par des casseurs et de petits voyous, des factieux de l'ultra gauche ou de l'ultra droite et des gens qui se sont radicalisés, qui infiltrent ce mouvement?».
Poi si viene al punto: «Théories conspirationnistes, refus du système, puissants stéréotypes racistes et antisémites, propagande distillée par la nébuleuse complotiste, radicalisation et instrumentalisation diverse de l'ultra droite et/ou de l'ultra gauche, permettent à l'antisémitisme de se développer et de prospérer plus ouvertement depuis plus de deux mois, chez une frange infiltrée de ce mouvement. Il ne s'agit pas de condamner tous les "gilets jaunes", bien évidemment. Cependant, certains commentateurs s'étonnent. Par exemple, le 24 décembre 2018, excédée, l'humoriste et comédienne Sophia Aram s'exclame sur son compte "Twitter": "Les slogans complotistes, antisémites, racistes, sexistes, homophobes, les menaces et violences envers les journalistes et les élus... ne sont rien comparés à la masse inerte de "gilets jaunes" que ça ne dérange pas"».
Gli infiltrati non vengono isolati e pian piano si impadroniscono della protesta: questa è la triste realtà, ben documentata nel proseguo di questa analisi.
Conclude Knobel: «Les souffrances sont réelles, la colère est palpable, c'est un fait. Les "gilets jaunes" expriment uns souffrance sociale, une désespérance. Pourtant, il faudrait repenser cette colère plus sereinement, plus fraternellement, plus démocratiquement surtout et la traduire différemment et d'abord et surtout sans la moindre violence. Vouloir en découdre tous les samedis, pousser des coups de gueule, balancer des pavés sur la gueule des flics, occuper des ronds-points, rien de tout cela n'est démocratique, républicain et ne constituera jamais une politique.
Enfin, aucune cause sociale, économique, politique, aucune désespérance, aucune misère ne pourra jamais légitimer, justifier, tolérer, développer, faire se développer des comportements racistes, homophobes, xénophobes, sexistes et/ou antisémites»
.
Verrebbe da aggiungere che mi inquieta questa storia della divise, in questo caso i "gilets jaunes", perché mi fa venire in mente la frase di Alcide De Gasperi: «Le divise sono sempre pericolose, specialmente quando le si fa indossare a dei bambini, perché vuol dire che li si sta preparando ad una guerra».
Infine: nella politica italiana - per quanto non abbiamo violenze per strada comparabili a quelle francesi - i toni eccessivi e volgari di certa politica rissosa e gridata fanno danni e persino nella piccola realtà valdostana certi toni e certi eccessi nella rottura della normale dialettica politica non giovano affatto e sarebbe bene raffreddare il clima.
Abbiamo già problemi irrisolti da affrontare ed è bene evitare veleni che agiscano sulla coesione sociale.

Il nodo TAV e i riflessi valdostani

Viviamo in un mondo di contraddizioni in cui la cifra principale per larga parte della politica sono le elezioni in calendario: questa situazione diventa ossessiva e le decisioni non seguono la bussola del buonsenso ma gli spostamenti dei sondaggi più o meno favorevoli. Siamo al "fast food" della politica, che diventa come i "cibi spazzatura" con cui sentirsi satolli. La visione di "lungo periodo" appare come un'inutile perdita di tempo, così come la competenza e gli studi vengono vituperati, perché conta più l'immagine che la sostanza.
Il caso della "Torino - Lione" diventa così un caso esemplare di certi atteggiamenti. Provo a ricordare gli eventi partendo dal fondo: la "TAV" - dice il recente studio (si fa per dire...) - non va fatta, tanto a realizzarla ci vogliono tanti anni e basta ed avanza rifare il vecchio tracciato e la vecchia galleria voluta da Camillo Benso Conte di Cavour, che non aveva come Ministro un avo di Danilo Toninelli (quello che pensa che l'opera serva ai torinesi per fare shopping a Lione!) che chiedesse il "rapporto costi-benefici" affidati ad esperti contrari all'opera. Nessuna suspence sull'esito ampiamente previsto e prevedibile e lasciato nel cassetto mentre il premier travicello Giuseppe Conte cercava la milionesima mediazione visto che la Lega ha sempre detto che l'opera è indispensabile ed i "grillini" che non va fatta.
Questi esperti per nulla neutri (tranne uno che si è dissociato) spiegano che su quella tratta c'e anche il raddoppiato Traforo stradale del Fréjus che, senza ferrovia nuova aumenterà mostruosamente i passaggi di "Tir" con buona pace dei valsusini che contestano la ferrovia e saranno assediati dai camion lungo quell'autostrada che ha deturpato la loro vallata. E par di capire che per il Governo italiano "la strada è la strada": i camion sono meglio delle merci sui treni per due ragioni essenziali. La prima è che senza i "Tir" lo Stato incasserebbe meno soldi per le tasse sui carburanti ed i poveri concessionari autostradali - gli stessi impiccati dai "pentastellati" senza processo per il ponte "Morandi" di Genova - perderebbero soldi con i cospicui pedaggi. Esiste un pericolo inquinamento? No, minimizzano gli esperti che comparano le tangenziali di Torino con le vallate alpine con un acume meritevole di menzione.
Il raddoppio del tunnel del Monte Bianco, cavalcato dai Benetton che ne sono proprietari con la complicità dei propri amici (compreso qualche vecchio valdostano), non viene citato, ma è ovvio: niente "TAV" significa scegliere, in barba ad ogni decisione europea sulle merci attraverso le Alpi compreso il modello ferroviario svizzero amato un tempo dagli ambientalisti italiani ormai votati ai camion, l'aumento del trasporto su gomma e dunque una seconda canna sotto il Monte Bianco lungo lo stesso tracciato degli anni Sessanta!
Per fortuna alle ambiguità della politica valdostana sul tema - in maniera spontanea o "spintanea" di certi interessi - fa da contraltare il "no" dei francesi. Infatti alcuni dei "nostri" dicono: «facciamo il raddoppio ma contingentiamo i "Tir"», ma in assenza di un quadro giuridico certo si tratta di un evidente azzardo. Se proprio si vuole perché non immaginare modalità nuove che non ripetano pedissequamente una tecnologia e un traforo che fu costruito lassù perché quella erano le tipologie dell'epoca? Esiste qualche spazio per scelte ferroviarie in una logica intermodale fra strada e ferrovia?
Ripeto poi che un "assalto" di "Tir" mostrerebbe l'obsolescenza dell'autostrada "Quincinetto - Aosta" su cui manca un qualunque ragionamento di prospettiva, visto che al concessionario basta ed avanza la pancia piena fino alla scadenza della concessione nel 2032.
E' un caso di scuola in cui ogni scelta va discussa bene e per tempo e senza che a pilotare le scelte non sia contemperare esigenze locali con quelle nazionali ed europee, ma grumi di interessi lobbistici che considerano la Valle e il suo attraversamento come un passaggio meccanico imposto costi quel che costi a noi montanari, considerati da queste persone dei tontoloni.

Basta con i "professionisti" del lupo

Non ce l'ho con il lupo, che è tornato sulle nostre montagne (ed a breve nelle città come altri selvatici), ma con i cantori di questo animale diventato - in una rappresentazione inversa al reale - una sorta di placido agnellino, vittima di cattiverie passate di noi uomini che ne abbiamo macchiato la fama per chissà quale - questa sì - feroce macchinazione. Per cui se dubiti su possibili rischi sei nient'altro che un tipaccio di cui diffidare al soldo dell'internazionale dei fucili o della lobby degli adoratori degli ovini ed erede di chissà quali pregiudizi di un passato fatto di zotici ancora più oscuri, in confronto agli algidi difensori del lupo contemporaneo angelicato.
Oggi i fratelli Grimm finirebbero vittime degli animalisti più o meno impegnati nella loro causa per via di "Cappuccetto Rosso". Ricordate?
"Allora s'avvicinò al letto e scostò le cortine: la nonna era coricata, con la cuffia abbassata sulla faccia e aveva un aspetto strano.
- Oh, nonna, che orecchie grosse!
- Per sentirti meglio.
- Oh, nonna, che occhi grossi!
- Per vederti meglio.
- Oh, nonna, che grosse mani!
- Per meglio afferrarti.
- Ma, nonna, che bocca spaventosa!
- Per meglio divorarti!.
E subito il lupo balzò dal letto e ingoiò il povero Cappuccetto Rosso"
.

Oggi Cappuccetto Rosso finirebbe nei guai. Come mai si è fatta mangiare? Ha coscienza di avere interrotto la digestione del lupo? Perché lo ha molestato cercando la nonna già felicemente nella pancia del lupo?
Sul cacciatore non provo neppure a dire qualcosa: ha ucciso il lupo e gli ha aperto la pancia. Che "happy end" sarà mai se muore un animale così nobile come il lupo?
Buon per lui che Jack London con il suo "Zanna Bianca" è morto, altrimenti perirebbe a suon di querele per aver osato scrivere: "I lupi però diventavano sempre più arditi e i due uomini furono spesso svegliati. Quelle bestiacce si avvicinavano talmente tanto, che i cani diventavano pazzi di terrore, ed era necessario ravvivare il fuoco di tanto in tanto, per tenere a distanza quegli audaci predoni.
- Ho sentito dei marinai che raccontavano di navi inseguite dai pescicani - osservò Bill, infilandosi sotto le coperte, dopo aver ravvivato il fuoco. - Ecco, questi lupi sono dei pescicani di terra. Conoscono i propri interessi meglio di noi e ci seguono in questa maniera per la loro stessa salvezza. Sanno che ci avranno, sono sicuri che ci avranno"
.
Balle, di certo, perché i lupi sono buoni e paciocconi, non sono dei predatori!
Da bandire proverbi e modi di dire, tipo "fame da lupo", "il lupo perde il pelo ma non il vizio", "tempo da lupi", "homo homini lupus" e naturalmente "lupus in fabula" e "al lupo, al lupo!". Il peggiore da dire è "In bocca al lupo", cui bisognerebbe rispondere "crepi!". Ho già avuto risposte politicamente corrette tipo "viva il lupo"!
Dove voglio arrivare? Che la cultura popolare e no aveva una certa immagine del lupo, che magicamente si è trasformata. Loro - i lupi - sono buoni e intoccabili e cattivissimo è appunto chi osserva che a limitarli, in assenza di chi li predi, tocca agli uomini, quando salirà ben presto il loro numero in modo allarmante in montagna e pure in pianura. Ma chi coi lupi ci vive - penso a chi ruota attorno ai fondi comunitari come "Life WolfAlps" - non pone limiti alla loro presenza e semmai dice che tocca a noi esseri umani adattarci alla loro crescita demografica, che è una teoria eccentrica ma evidentemente di buona presa sull'opinione pubblica.
Di questo cambio di mentalità non si capacita neppure il grande storico del simbolismo in Occidente, Michel Pastoureau, sui cui libri mi sono abbeverato per capire di più sul leone rampante simbolo della Valle d'Aosta.
In un bel libro sul lupo ricorda ricorda anzitutto come in Europa il bestiario storico sia dall'antichità più profonda composto da: orso, lupo, cinghiale, cervo, volpe, corvo, aquila e cigno. Si sono poi aggiunti nel tempo toro, cavallo e cane, cui sono seguiti maiale, asino e gallo ed alcuni altri. C'è poi il fantasioso drago e si aggiungono gli esotici leone, elefante e scimmia. Pastoureau su questi animali ha avviato monografie e sul lupo, con un meraviglioso apparato iconografico a colori, racconta il dipanarsi di una storia affascinante.
Ma, come accennato, parto dal fondo, nel breve riassunto di questo articoletto. Chiude Pastoureau: «I suoi protettori, sostenuti da zoologi e etologi, militano anche per una riabilitazione dell'immagine tradizionale del lupo, troppo a lungo accusato di essere un predatore crudele e antropofago, grande amante della carne umana. Secondo loro, simili accuse sarebbero infondate, dal momento che il lupo, a meno che non sia rabbioso, non attacca mai gli esseri umani. Ne conseguono, anche in questo caso, polemiche in certi casi virulente con gli storici, che sostengono il contrario e che, basandosi su solide prove, mostrano come e spiegano perché in Europa, dal XV al XIX secolo, il lupo abbia rappresentato un pericolo reale per gli uomini, le donne e i bambini, e non solamente per le pecore e le capre».
Poi l'affondo finale che deve fare ragionare: «Questo dubitare delle fonti storiche e del lavoro degli storici da parte di alcuni avvocati troppi zelanti della causa animalista ha qualcosa di inquietante. Fra non molto, forse, non sarà solo più la Storia, ma anche ogni altra scienza umana a essere contestata e denigrata da un certo crescente positivismo delle scienze naturali e biologiche. Considerate le nostre conoscenze attuali come verità eterne e universali, trasferibili tali e quali, senza precauzioni, nel passato, anche il più remoto, è pericoloso oltre che assurdo».
Consiglio il libro che attraversa la storia culturale del lupo dalle mitologie antiche alla Lupa di Roma, dai lupi che hanno a che fare coi santi ai lupi dei bestiari, dal lupo che fa sorridere a quelli mannaro, dalle favole e le fiabe alla belva che impaurisce le campagne, dalle credenze e superstizioni al cambio di regime di un lupo che da cattivo diventa buono fra cartoni animati e pupazzi.
Un viaggio nel tempo che colpisce per la ricchezza di nozioni e per i racconti suggestivi, che irrompono nel dibattito sul lupo con il peso della cultura del passato, che dovrebbe fare impallidire - per i rischi che corrono - chi intende fare delle Alpi una terra per lupi senza limiti e regole.

Latte sardo e Pecorino, non solo soldi

Una delle proteste dei pastori sardiSono cresciuto, da figlio di veterinario, osservando con curiosità e interesse quel mondo dell'allevamento di bestiame di montagna che ci dava da mangiare, visto che papà era professionista per animali di grossa taglia. Era un ambiente in cui ci sguazzava con la sua simpatia naturale, passando da una stalla all'altra con una vita davvero a disposizione dei suoi clienti a qualunque ora del giorno e della notte. Trovo ancora oggi dei bambini di allora che ricordano la bonomia e il battutismo del veterinéro, che era a suo agio con tutti i diversi patois della sua condotta.
Posso dire di avere visto da vicino la vita del tempo che fu: una miriade di piccole stalle in un ambiente rurale ben diverso da quello di oggi e che era fatto di straordinarie tradizioni ma anche di una vita grama che sarebbe ingiusto dipingere solo di rosa. La diminuzione dei piccoli allevamenti sparsi si è accompagnata a stalle molto grandi ed è stata evidente la progressiva riduzione nel "pil" valdostano di questo comparto che connotava non solo l'economia ma anche la nostra cultura dalle solide radici contadine. E lo era ancora con quella figura dell'operaio-agricoltore che metteva assieme due settori produttivi che si sono dati la mano nel secondo dopoguerra.
Aggiungerei solo che l'agricoltura, per le ragioni legate alle dinamiche dell'integrazione europea, è stata la prima in cui Bruxelles ha inciso sulla competenza primaria della Valle d'Aosta in questo settore e lo ha fatto di certo dettando regole non sempre facili da armonizzare con la realtà alpina, ma anche con iniezioni di denaro mica da ridere per un settore "protetto" dall'Unione europea contro i rischi di un mercato globale sempre più spietato. Oggi pende la "spada di Damocle" di riduzioni di finanziamenti europei in un futuro ormai vicino ed in Italia si sta lavorando verso una ri-nazionalizzazione degli aiuti che potrebbe avere effetti letali in zona alpina.
Per questo seguo con partecipazione la protesta dei pastori sardi (andai come testimone ad un processo a Nuoro e mai vidi, nell'attraversare il centro dell'isola, tante pecore come quella volta!), impoveriti come non mai dal prezzo del latte, che sversano il latte ovino per strada come segno di protesta con scelta dei tempi non casuale, visto che la Regione Sardegna - che ha analogie statutarie molto forti con la Valle - andrà al voto il 24 febbraio prossimo.
Su "Linkiesta" ho letto un interessante approfondimento di Francesca Matta (che ho sentito poi a "Radio24"), che spiega come mai immaginare che lo Stato o comunque il "pubblico" si sostituisca al mercato sia un'illusione, su cui bisogna ragionare in Sardegna come in Valle d'Aosta.
Spiega all'inizio la giornalista: «Una protesta più che legittima, se si pensa che il prezzo del latte è scivolato da una media di 79 centesimi/litro (Iva inclusa) del luglio 2018 ad una media di 63 centesimo/litro (Iva inclusa) a gennaio 2019. Una cifra che va al di sotto dei costi di produzione - 70 centesimi/litro (Iva esclusa) -, segnando un margine negativo per le aziende produttrici di 14 centesimi/litro. Ma se alle manifestazioni di rabbia e sconforto si vuol trovare una via d'uscita, a poco serviranno le passerelle dei politici di turno in vista di un tavolo di risoluzione del problema. Perché, molto semplicemente, il problema non è politico, ma di mercato».
Si passa alla spiegazione del legame fra latte e formaggio: «Se si sfoglia l'ultimo rapporto Istat "Qualivita", subito salta all'occhio la perdita di cento milioni di euro della "pecora nera" tra i primi quindici prodotti di origine in Italia: il Pecorino Romano. E' l'unico nella lista, infatti, ad aver subito una perdita del 38 per cento, passando da 251 milioni del 2016 ai 155 milioni del 2017. Questo ha comportato un inevitabile abbassamento dei prezzi, per cui se a gennaio 2018 si poteva acquistare un chilo di prodotto a 7,50 euro, a dicembre dello stesso anno il prezzo scendeva a 5,40 euro al chilo. Da qui l'effetto domino devastante sul prezzo del latte ovino sardo, che viene trasformato per il sessanta per cento in Pecorino Romano. E proprio per questo motivo la maggior parte delle aziende sarde che se ne occupano (dodicimila in totale) sono strettamente dipendenti di un'unica produzione. Finché il prezzo del Pecorino Romano sale, va tutto bene. Se scende, crolla tutto».
Dunque la situazione è questa e bisogna intervenire sul sistema, come si spiega nell'articolo: «Non è una novità che negli ultimi quindici anni il prezzo sia oscillato tra i 70 e gli 80 centesimi/litro. Ciò che è mancato - e continua a mancare - è la ristrutturazione dell'intero sistema di produzione e trasformazione. E' innegabile che cifre del genere siano un danno, oltre che per le famiglie degli allevatori coinvolte, anche per l'intera industria lattiero-casearia italiana, dato che in Sardegna si produce il 67 per cento del latte ovino destinato alla trasformazione in Italia (15 per cento in Toscana, 6 per cento in Sicilia, 5 per cento nel Lazio). In più il Pecorino Romano DOP rappresenta l'81,54 per cento dei formaggi di pecora DOP in Italia e il 52 per cento in Ue, prima del francese Roquefort (28 per cento) e lo spagnolo Queso Manchego (20 per cento). E a dispetto di quel che si è letto in questi giorni, non è vero che il mercato dei formaggi è in crisi. Tutt'altro: nel 2016 il consumo pro capite di formaggi in Europa è arrivato al +1,97 per cento (+7 per cento dal 2012 al 2016), e negli Usa ha raggiunto il +1,55 per cento (+11 per cento dal 2012 al 2016).
Come si è arrivati allora a questo punto di non ritorno? Semplicemente, per reiterazione. Le proteste dell'ultima settimana non sono altro che lo sfogo di un settore che affronta ciclicamente lo stesso problema: l'aumento e poi il forte calo del prezzo del latte. Non è una novità, infatti, che negli ultimi quindici anni il prezzo sia oscillato tra i 70 e gli 80 centesimi/litro, poco più o poco meno. Ciò che è mancato - e continua a mancare - è la ristrutturazione dell'intero sistema di produzione e trasformazione. Per quanto riguarda il Pecorino Romano, la produzione (al 95 per cento in Sardegna) è affidata a sedici aziende private - di cui tredici soci del Consorzio di tutela - e dodici cooperative di allevatori socie del Consorzio. Se il 61 per cento della produzione del prodotto è affidata alle cooperative e il 39 per cento agli industriali, è evidente che la responsabilità dell'andamento dell'industria di riferimento siano condivise tra gli allevatori e le aziende»
.
Eccoci al "nodo politico": «Da una parte c'è un continuo sforamento delle "quote latte", stabilite per ciascun caseificio dal Consorzio per la tutela del formaggio Pecorino Romano. Ciò significa che quando il prezzo del formaggio scende per via della sovrapproduzione, c'è la corsa delle stesse cooperative di allevatori che fanno a gara a chi "svende" prima il latte alle aziende di trasformazione. Questo genera un sistema vizioso, per cui le industrie, che conoscono benissimo questo meccanismo, si aspettano puntualmente un prezzo a ribasso. Nel 2018 è successo esattamente questo: la produzione di pecorini è stata di 550 quintali, 60mila in più rispetto a quelli richiesti dal mercato (rapporto Oilos).
Oggi si pensa che la soluzione immediata sia dare altri sussidi ai produttori per tamponare la crisi. Si parla di un "fondo latte ovino da 25 milioni". Ma non funzionerà.
Come se ne esce? Intanto, come suggerito da un'analisi sui costi di produzione e trasformazione del latte ovino in Sardegna condotta dal professor Antonello Cannas (Dipartimento di Agraria, Università di Sassari), che si occupato a lungo su questi temi, servirebbe una maggiore coesione delle cooperative, che al contrario si fanno la guerra tra loro. Manca del tutto personale direttivo, tecnico, finanziario e commerciale adeguato: molti presidenti e consiglieri, ad esempio, fanno i direttori e i commerciali. Le reti di vendita sono inesistenti, si aspetta che i clienti bussino alla porta, mentre si continua a dipendere da pochi grossisti. E finché non saranno i produttori ad avere potere contrattuale, il prezzo da fare sul mercato continuerà ad essere deciso dai soliti noti sulla pelle degli allevatori. Si fanno i formaggi "per abitudine", non c'è alcuna ricerca di mercato, innovazione e promozione dei prodotti. E' un caso la "Cooperativa 3A" di Arborea, che oggi vanta 226 aziende agricole dislocate in tutta la Sardegna ed è il principale polo produttivo lattiero-vaccino nell'isola con circa il 90 per cento del latte di vacca prodotto nell'isola.
A ciò si aggiunge l'inefficienza del sistema di trasformazione, per cui sarebbe opportuno chiudere un po' di caseifici: sono troppi, molti sono sovradimensionati e hanno costi fissi troppo alti, una miriade di formaggi con marchi e nomi diversi. Razionalizzare i sistemi di raccolta del latte; pagare il latte a qualità per fare formaggi migliori; produrre in estate - si pensi al premio in Toscana al +0,1 euro/litro. Fare formaggi richiesti dai consumatori. E non da ultimo, migliorare l'immagine dei formaggi ovini seguendo una buona strategia di marketing. Si potrebbe guardare, ad esempio, al "modello Emilia Romagna", dove esistono aziende forti che si confrontano con cooperative di allevatori altrettanto forti, dando vita a un sistema d'equilibrio tra i due attori principali della filiera»
.
Morale della storia e fonte di riflessione nelle considerazioni finali della giornalista: «Oggi si pensa - e ovviamente il primo a ribadirlo a gran voce è Matteo Salvini - che la soluzione immediata sia dare altri sussidi ai produttori per tamponare la crisi e fissare prezzi minimi arbitrariamente stabiliti dallo "Stato che torna a fare lo Stato". A lui si aggiunge il segretario PD Maurizio Martina, già ministro delle politiche agricole, che parla già di un fondo per il settore del latte ovino da 25 milioni. Ma non funzionerà. Sarebbe un aiuto nel brevissimo termine, sì, ma che non risolverebbe il problema di fondo. Se c'è una cosa che avrebbe potuto - e dovuto - fare la Regione Sardegna, nel corso degli ultimi trent'anni, è forzare le cooperative ad aggregarsi e sviluppare la loro capacità di vendita autonoma. Solo in questo modo sarebbe possibile far rialzare la testa ai produttori locali per metter su un sistema realmente competitivo. Nel frattempo, però, si aspetta un altro tavolo politico in vista delle prossime elezioni. E si continua a strumentalizzare una protesta per qualche voto in più».
Triste storia istruttiva non solo sull'isola, che ieri si è arenata a Roma, quando il tavolo governativo ha partorito il misero aumento di dieci centesimi, dopo aver promesso mari e monti, fissando il risultato dell'euro al litro per poi scendere a 70 centesimi.
Ma il problema, come illustrato, è ben più complesso.

San Valentino, da non dimenticare...

Una statua di San ValentinoVerrebbe voglia di partire dal poco "politicamente corretto" e noto passo della "Genesi": "«Non è bene che l'uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile». Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all'uomo […], ma l'uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile. Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo. Allora l'uomo disse: «Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa perché dall'uomo è stata tolta». Per questo l'uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne".
Eviterei di raccontare l'episodio così espresso il giorno di San Valentino, compreso quel suo proseguimento che ascrive a qualche responsabilità femminile la brusca uscita dal "Paradiso Terrestre".

Llibertat per Catalunya!

Il 'Tribunal supremo' a BarcellonaLa tesi ormai prevalente in Europa, che si scontra con il buonsenso e con quanto avvenuto, ad esempio, con la fine della ex Jugoslavia, per non dire della separazione avvenuta dalla vecchia Cecoslovacchia o con la nascita del Jura in Svizzera, è che l'autodeterminazione dei popoli sia qualcosa di valido solo per i Paesi ex coloniali. Così casi come quello della Catalogna sono ascrivibili per troppi ad una sorta di anomalia e l'Europa fa come le famose tre scimmiette: "non vedo, non sento e non parlo".
Si riflette, in questo, l'atteggiamento degli Stati membri, molti dei quali hanno regionalismi al limitare dell'indipendentismo o semplicemente il riflesso statalista di tenere duro sul feticcio del vecchio "Stato Nazione" rosicchiato dall'alto dall'Europa e dalle Istituzioni internazionali e dal basso da quel ribollire di istanze federaliste che evocano modelli di rafforzamento delle democrazie locali.

Reddito di Cittadinanza? Mah!

Luigi Di Maio durante la presentazione del 'Reddito di Cittadinanza'Da cittadino comune, avvezzo però a leggere provvedimenti di legge e curioso soprattutto di come funzionerà la loro applicazione, ho seguito con viva attenzione lo svilupparsi del cavallo di battaglia dei "pentastellati": il "Reddito di Cittadinanza" (abolito proprio ora in Finlandia). Benché largamente limitato nella sua applicazione così come venne prospettata in campagna elettorale, si tratta ancora di una misura corposa, che dovrebbe - ma il condizionale è d'obbligo perché noto un grande ottimismo sull'efficienza della macchina messa in piedi dal Governo - giungere guardacaso al traguardo prima delle elezioni europee a beneficio di una vasta platea di cittadini, specie al Sud. Anche se ho letto all'inizio delle macchinose discussioni sul tema che ben seimila nuclei familiari valdostani ne dovrebbero beneficiare, ho l'impressione - che immagino sarà suffragata quando questi soldi verranno infine erogati - che certe restrizioni manifestatesi nei provvedimenti normativi e negli occhiuti controlli - diminuiranno di molto la platea degli aventi diritto anche da noi.

Condividi contenuti

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri