Francofonia e Francia

François FillonSeguo sempre con interesse l'evolversi della politica francese: lo faccio perché sono un francofilo, amo la lingua e la cultura francese, sapendo bene che la francofonia non è solo Parigi in un duplice senso. Uno che riguarda la dimensione plurale della Francia, che ha caratteristiche molto diverse a seconda della zona dell'Esagono che si vogliono prendere in considerazione. Il secondo concerne la dimensione mondiale della francofonia, che mi pare tra l'altro ultimamente marginalizzata in Valle d'Aosta, com'è dimostrato dall'assenza di politici valdostani in Madagascar quest'anno e in Senegal due anni fa ai famosi "Sommet" in cui la Valle aveva - se non lo ha perduto - la veste di "invité spécial", così concepita: "Le statut d'invité spécial vise les entités ou collectivités territoriales non souveraines - ressortissantes d'Etats non membres de la Francophonie - qui en font la demande, dès lors que ces entités ou collectivités manifestent leur volonté d'engagement dans la Francophonie et que l'usage de la langue française set attesté sur leur territoire".
Si trattava di una rete interessante per il Governo regionale valdostano, non esauribile con l'associazione dei parlamentari francofoni, di cui fanno parte i consiglieri regionali (come parlamentare europeo ebbi l'onore di presiedere la sezione degli europarlamentari con periodiche riunioni a Strasburgo) e neppure dai giornalisti con l'associazione des journalistes francophones di cui io stesso oggi sono membro, perché interessato da questa ragnatela di rapporti che assume una valenza globale e apre a problematiche che altrimenti sfuggirebbero nella quotidianità, come la libertà di stampa o le nuove tecnologie.
Inutile dire del ruolo di motore e anche di finanziamento che la Francia rappresenta e così - anche per questo e per molte altre ragioni - seguo con curiosità gli eventi delle elezioni presidenziali del prossimo anno con colpi di scena che dimostrano come tutto manchi ma non la vivacità. Due i casi eclatanti di queste ore: l'affermarsi nelle primarie del Centrodestra di quel François Fillon, oggi il favorito per l'Eliseo, che conobbi nel 2005, quando era ministro dell'éducation nationale in occasione di un comizio che tenemmo assieme a favore del Trattato costituzionale a Saint-Jean-de-Maurienne. La sua vittoria inaspettata su Alain Juppé, ma soprattutto l'uscita di scena da coup de théâtre di Nicolas Sarkozy (che l'inverno scorso fece una lunga vacanza con Carla Bruni sulle nevi della Val d'Ayas) hanno creato una situazione inattesa, che - vista la posizione conservatrice di Fillon, che certo preferisce farsi dare del "gaulliste" - rende più difficile il lavoro di Marine Le Pen, che pensava ormai di avere grandi possibilità e ora ha un competitor in grado di mangiucchiare parte dell'elettorato moderato.
Ma il colpo di scena davvero più clamoroso di queste ore è la rinuncia di François Hollande, primo caso nella Quinta Repubblica di un Presidente che non si ricandidi dopo il suo primo mandato. Hollande, con un gradimento ormai terribilmente basso, ha ceduto - in un discorso televisivo pieno di pathos - il testimone alle primarie della Gauche, ammesso che i litigiosi competitori di quest'area politica accettino tutti di farle. Una Sinistra in grande crisi, che allo stato attuale, sarebbe fuori dal secondo turno, ma chissà che - come ha fatto lo schieramento avversario - non si inventi qualcosa. Oltretutto per ora in gioco c'è anche quella specie di marziano che è Emmanuel Macron, personalità controversa ma interessante al centro dello schieramento. Il caso di Donald Trump in America dimostra che spesso certi outsider non vanno presi alla leggera.
La Valle d'Aosta, che non gode come i sudtirolesi di una "Garanzia internazionale" in quel caso con tutela austriaca, comunque sia andata nei "Trattati di Parigi" del 1947, non può non mantenere - ed io stesso lo feci da deputato (nel quadro della mia Presidenza del Gruppo di amicizia parlamentare Italia - Francia) e da presidente della Regione - un qualche rapporto politico con la Francia sia di prossimità, ma anche con le Istituzioni nazionali. Nulla di comparabile alla "Garanzia", ma avere rapporti amichevoli, presentando con garbo la nostra situazione, potrebbe risultare sempre utile in epoche di passaggio in cui è bene tenere ben allacciate le cinture di sicurezza e guardare di tanto in tanto nello specchietto retrovisore perché non arrivi a spianarci un camion killer.

Referendum costituzionale: il mio NO

Manifestanti a Roma per il 'no' al referendum costituzionaleMi vien da sorridere a chiamarlo un "ultimo appello": oggi sono una persona senza un partito, che crede in certi valori in politica e spera presto di poterli condividere con chi osserva con crescente tristezza una Valle d'Aosta alla deriva. Così determinate scelte tattiche per il referendum domenicale sono il segno di una comunità che non ha più punti cardinali nella difesa dell'Autonomia, se in troppi - specie nella sempre più informe area autonomista - sentono il bisogno di assecondare le mire del potente di turno, illudendosi di finire sotto la sua ala protettiva, anche se si deroga - così facendo - ai propri ideali, messi sul mercato. Stupiscono anche rispettabili personalità locali che hanno scelto di essere silenti in questa circostanza, perché non sempre «il silenzio è d'oro», mentre molti esponenti dell'establishment italiano dicono "sì" perché sperano che il loro dire "sì" possa trasformarsi in... oro.

Consumatori spiati e bombardati

La pubblicità sul Duomo di MilanoBisogna stare allerta, ammesso che serva, perché siamo fortemente scrutati e campionati in ogni nostra presenza sul Web: si sa chi siamo, dove andiamo, che cosa ci piace o no, i nostri punti di forza e di debolezza. Senza fare i perseguitati o virare verso una sorta di paranoia, sia chiaro che esiste davvero una specie di screening con schedatura che oggi comprende persino, usando certe "app", il nostro stato di salute e le diverse analisi cui siamo sottoposti. Certo le Autorità che dovrebbero vigilare sulla nostra "privacy" (in italiano sarebbe "riservatezza", ma l'anglicismo deriva dal solito latino con "privatus", traducibile con "personale, particolare") stentano ad arginare un mare di tecniche con cui le nostre azioni vengono spiate, specialmente per usarci come consumatori.

Condividi contenuti

Copyright © 2008-2016 Luciano Caveri