Il diritto di sapere

Un profetico dettaglio dal retro di copertina di un album dei Depeche ModeNon c'è riservatezza o privacy che tenga: i dati della dichiarazione dei redditi di chiunque devono essere consultabili.
Nel contemperamento fra le esigenze del rispetto della vita privata e le esigenze pubbliche, vince la trasparenza della vita collettiva. Gli aspetti personali cedono il passo alla verità, unica arma che consente di sbugiardare chi denuncia redditi da miseria con stili di vita che dicono altro.
Non è per nulla una gogna: si tratta di rendere manifesto quanto la Repubblica, cioè noi stessi, conosce già e usare collegamenti "on line" vuol dire solo modernità.
Si può discutere su tempi, modi, contenuti esatti, cautele e mille altro. Ma si ricordi che lo Stato sociale, nel nostro caso la Regione, dispensa aiuti, facilitazioni, contributi legati ad indicatori per la cui formazione i redditi sono un caposaldo. Per cui chi evade ruba e in più ci guadagna ancora in barba a chi paga.
Ora, ma vedremo come, si parla di un ruolo attivo dei Comuni nel contrasto all'evasione fiscale in cambio dell'ottenimento del maltolto dei contribuenti disonesti. Io penso che per la Valle d'Aosta necessiti una norma d'attuazione che chiarisca da noi il ruolo degli Enti locali e rivitalizzi una norma dello Statuto di cui ho già scritto.
Si tratta dell'impegnativo, responsabilizzante e antipatizzante articolo 13 dello Statuto che, con linguaggio datato, diceva: "Ai fini dell'accertamento delle imposte dirette erariali, gli uffici finanziari dello Stato nella Regione comunicano alla Giunta regionale la lista dei contribuenti che, domiciliati nella Valle, possiedono redditi tassabili al loro nome mediante ruolo.
La Giunta esamina la lista, la completa e la rettifica, aggiungendovi coloro che furono omessi e che vi dovevano essere compresi e cancellandone coloro che per qualsiasi causa vi furono indebitamente iscritti o che per motivi sopravvenuti ne debbono essere esclusi.
Delle variazioni introdotte la Giunta deve indicare la ragione.
La Giunta indica altresì gli altri dati necessari per il nuovo o migliore accertamento dei tributi nei confronti degli iscritti nella lista.
Gli uffici finanziari dello Stato nella Regione sono tenuti a riferire alla Giunta i provvedimenti adottati in base alle indicazioni dalla stessa ricevute".

Una responsabilità mica da ridere, ma resa ovvia dal fatto che una fetta larghissima di fiscalità alimenta la nostra autonomia e "fare i pesci in barile" è troppo semplice. Anzi, le norme potrebbero coordinare le azioni e evitare i rischi, oggi esistenti, di controlli troppo asfissianti sugli stessi contribuenti.

Commenti

Finalmente...

una buona norma e per questo motivo sarà immediatamente cassata e tolta...

Personalmente...

ritengo che debbano essere pubbliche e liberamente consultabili.
Da buon "non occupato", per mancanza di voglia, di possibilità e per protesta verso un mercato del lavoro che offre stipendi e contratti ridicoli, non ho problemi a dire ai quattro venti che non guadagno un euro e che i miei sfizi e necessità vengono pagati dalle pensioni dei miei due genitori e dai risparmi che ho messo da parte quando lavoravo.

Delega ai Comuni?

Diventerà un bel pasticcio, dove gli Uffici si dovranno attrezzare per verificare cosa, chi e in che modo?
Queste cose non le dovrebbero fare gli organi preposti? Secondo me si rischia di fare un grande buco nell'acqua. Anche perché non penso che si deroghi al "Patto di stabilità" promuovendo nuove assunzioni, o no? Oppure, si daranno in appalto a società terze che gestiscano questo aspetto, come si fa con i servizi?
Ovvio che si ragiona sul "niente di concreto" - la storia delle scorse ore mi da ragione - e magari se fosse attuata cambierei idea, ma lo vedo uno spreco di risorse per recuperare magari poco, a distanza di molto tempo.

Sulla pubblicazione...

brillante soluzione del Senato: saranno on line ma... senza nomi.
Per scoprire a chi corrisponda il reddito riportato si potrà consultare una chiromante esentasse.

Già...

brillante, brillante davvero...
La prossima dichiarazione dei redditi provo a farla in forma anonima!
Siamo al delirio più totale.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri