blog di luciano

L'Union

uv_sede.jpgMilito da molti anni nell'UV e mi appresto a prendere parte e a prendere la parola domani all'atteso Congresso nazionale.
Ne ho vissuti molti: alcuni poco combattuti e lisci come l'olio, altri vivaci e all'ultimo voto. Difficile capire alla vigilia come saranno questi due giorni e se saranno utili o stucchevoli per il movimento.
Nato nel 1945 e rimasto ultimo partito in Valle e non solo ad aver mantenuto stesso nome e medesimo símbolo, l'UV è sempre più un gigante dai piedi d'argilla. La crisi d'iscrizioni e di partecipazione corrisponde sempre meno agli esiti elettorali che sono rimasti generalmente positivi. Un tema per nulla banale per chi vincerà fra i due candidati alla Presidenza.

Letizia

letizia_travasa.jpgI ricordi sono con noi e te li ritrovi in mente in un batter di ciglia.
Fra i più belli, che scaldano il cuore, ci sono i ricordi di quella squadra con cui lavorammo per dare vita al Tg regionale della Rai. Quasi tutti giovani ed entusiasti riversammo tante energie e molta passione in quella avventura quasi 30 anni fa.
Letizia era una bella e briosa segretaria di redazione con gli occhi splendenti e il sorriso contagioso.
E' morta troppo presto, combattendo contro un cancro con grande coraggio.
A lei e alla sua simpatia un ricordo di quel tempo che fu.

Natalità

natalita.jpgGuardare lo sviluppo demografico dei prossimi decenni è un dovere per almeno due ragioni.
La prima: mai dire che su certi processi non si possa incidere.
La seconda: ogni decisione futura passa attraverso un'idea sulla popolazione che ci sarà.
Esiste uno studio Istat che ci offre dati complessivi. I valdostani nel 2051 dovrebbero essere 135.315 con questa progressione: 2010 (128.341), 2020 (133.422), 2030 (135.397), 2040 (136.301).
Da tenere conto che i valdostani erano 85.900 nel 1861, 81.457 nel 1911, 94.140 nel 1951, 100.959 nel 1961, 119.548 nel 2001 e 125.979 nel 2007.

Unione

obama_mccain.jpgSi coglie, nell'incontro fra Obama e McCain, un duplice significato: uno stile di condotta politica che considera da rispettare un avversario (da noi spesso non avviene all'interno della stessa forza politica...); una unione d'intenti in una situazione economico-finanziaria che resta a tinte fosche.
Guardando oggi la Borsa italiana, con i grandi gruppi bancari in caduta libera, resta l'interrogativo su quale sia il reale perimetro della crisi. Penso che alla fine anche da noi, specie nella discussione della Finanziaria regionale, questo sarà il tema sul quale intervenire con rapidità e evitando la proliferazione di gruppi e gruppetti di studio.

www.iss.it/anti/

anti_logo.pngLa pubblicità su di un settimanale mi ha portato al sito qui sopra dell'Istituto Superiore di Sanità.
Ho così scoperto che quella di domani sarà la prima Giornata Europea degli Antibiotici. Pare di capire che l'Unione Europea faccia sul serio e voglia spiegare ai propri cittadini i rischi che derivano da un uso improprio degli antibiotici. Anzitutto il rafforzamento dei batteri che sono i nemici naturali degli antibiotici. Il punto di partenza della spiegazione è che raffreddori e influenze sono causati dai virus e dunque usare gli antibiotici è inutile.
L'impressione da profano della scienza medica è che si giunge ad una pubblicità grand public questa questione della crescente resistenza dei batteri deve essere una cosa seria e preoccupante.

Lo schiaffo

kasper.jpgL'esclusione di La Thuile da una libera di Coppa del Mondo e il silenzio su di una gara di slalom sulla pista Leo David di Gressoney-Saint-Jean suonano come uno schiaffo per la Valle d'Aosta da parte della Fisi (di cui l'Asiva fa parte).
Inutile gridare contro la Federazione internazionale, capro espiatorio cattivo, quando gli impegni erano venuti anzitutto dalla Fisi con cui era stata fissata una tabella di marcia per completare pista e infrastrutture di La Thuile.
Non so cosa sia successo negli ultimi mesi, ma credo che l'esclusione della Valle d'Aosta dal Circo bianco sia una vergogna e bisogna accertare chi ha lavorato per eliminarci con nomi e cognomi.

Aosta - Pila

pila_funivia.jpgPer me, anche se nuova di trinca, la telecabina resta l'ovovia.
Avendo passato tante estati a Pila, se chiudo gli occhi rivedo gli ovetti colorati a due posti e sento il rumore indimenticabile del loro ingresso nella stazione. Per una città alpina come Aosta questo è un collegamento caratterizzante.
Spiace che sia stato buttato nella pattumiera il Cablò, collegamento funiviario fra i giardinetti antistanti la Regione e il piazzale della telecabina. Impianto poco costoso e di rapida realizzazione, sostituito da una per ora misteriosa metropolitana cittadina.

Passione e mestiere

unterthiner.jpgBasta entrare nel suo sito www.stefanounterthiner.com per capire tutto: come una passione giovanile si trasformi in un mestiere difficile ma straordinario.
Quando ho letto che questo fotografo valdostano aveva vinto il primo premio "BBC Wildlife Photographer of the Year" ho pensato subito come fosse un passaggio importante della sua carriera e lui stesso racconta di come scattare la foto vincente a macachi riottosi non è stato facile...
Con la macchina fotografica, se si ha naturalmente una formazione scientifica adatta come nel suo caso, si possono raccontare storie avvincenti attraverso i Continenti e i suoi libri e i reportages su riviste di tutto il mondo lo dimostrano. I miei figli hanno amato ancora di più le nostre montagne grazie ad un suo libro "Fred - storia di una volpe di montagna".

Turchia nell'Unione europea?

instanbul_moschea.jpg rilancia l'adesione della Turchia all'Unione europea.
Un processo che già in passato aveva subito forti rallentamenti soprattutto per la contrarietà dei premier francese Sarkozy e tedesca Merkel. L'orizzonte si era bruscamente spostato al 2015.
Certo l'esperienza, con molte ombre, di un vasto allargamento senza referendum cui ha corrisposto non a caso uno stop del Trattato costituzionale con i referendum negativi in Francia e Olanda e il più recente "no" irlandese al Trattato di Lisbona devono fare drizzare le orecchie agli entusiasti di un ingresso turco.
Personalmente ho avuto e mantengo grossi dubbi: la Turchia è un grande Paese islamico e la geografia parla chiaro. I diritti umani - pensiamo ai curdi - sono calpestati.
Per cui dare tutto per scontato mi pare rendere semplice una vicenda complicata.

Testamento biologico

eluana_englaro.jpgChi mi conosce sa come la penso: se mai dovessi essere trasformato in una sorta di vegetale, costretto ad una coma irreversibile, vorrei morire e non essere costretto ad una vita artificiale. Mentre i giudici di Cassazione si occupano del caso penosissimo di Eluana Englaro, il Parlamento - che ha fatto una figuraccia alla Corte costituzionale, dove aveva invocato una situazione di conflitto con la sentenza di Milano che consentiva di far cessare l'alimentazione con la flebo alla Englaro - non legifera sul testamento biologico che nulla ha a che fare con il tema ancora più complesso dell'eutanasia e che invece consentirebbe un po' di chiarezza.

Condividi contenuti

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri