Contro la normalizzazione

Il gonfalone della Valle d'AostaNella caotica situazione politica e istituzionale italiana, credo sia ora, adesso come sempre, di capire dove vogliamo andare come valdostani.
Mio zio Séverin Caveri temeva che l'autonomia speciale - i cui limiti gli erano ben noti sin da subito - operasse come "endroumia", cioè una sorta di addormentamento delle coscienze.
Oggi lasciarsi vivere sarebbe una scelta stupida: tutto in Italia è in movimento per andare chissà dove, il centralismo politico-amministrativo sta tornando prepotentemente, lo pseudofederalismo sembra operare come una diminuzione programmata delle nostre risorse finanziarie come escamotage per ridurre funzioni e competenze, che mira a ridicolizzare l'autogoverno.
Esempio lampante di questa scelta è l'ultima invasiva Finanziaria umiliante per le Regioni e ancor di più per le autonomie speciali e la prossima puntata sarà la batosta del federalismo fiscale e incombono scelte europee, come il nuovo patto di stabilità e il futuro dei fondi strutturali, in un momento in cui il peso dell'Italia in Europa è bassissimo e anzi certi ridimensionamenti della democrazia locale sono funzionali al ritorno del centralismo a Bruxelles come a Roma.
Nella filosofia "tutti autonomisti" (che sembra rendere uguali tutti i partiti, con evidenti forme di travestitismo o di frode in politica), il messaggio federalista valdostano e le speranze di maggiori spazi di libertà si annacquano e la normalizzazione incombe «e il naufragar m'è dolce in questo mare».
E' ora di ripartire dal patrimonio di idee e pensieri del "nostro" federalismo non inteso come una nostalgica logica rievocativa o come una fissità museale, ma come sveglia contro il soporifero e ipnotico tran tran che cela proprio l'inquietante normalizzazione.

Commenti

La mia sensazione è che molti

La mia sensazione è che molti uomini politici valdostani abbiano una visione miope e siano più interessati alle beghe locali e non a temi di ampio respiro quali il federalismo valdostano

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri