I bikers

Motociclisti al Col de JouxUna volta erano motociclisti, oggi - in epoca dominata dall'inglese - sono diventati "bikers".
La Valle d'Aosta alcuni anni fa realizzò, a rafforzare il ruolo di meta gradita agli appassionati di moto, un'apposita campagna promozionale per attrarli sulle nostre strade ed è un caso di scuola di un investimento corrispondente ad un buon risultato anche con l'aiuto di alcuni raduni di appassionati monomarca (pensiamo agli "harleysti"...). Ci sono poi alcuni bar e ristoranti che fanno parte delle reti specializzate.
Così nei fine settimana arrivano i motociclisti: in generale si tratta di un buon turismo, che si divide ulteriormente in diverse tipologie cui la campagna si rivolse scientemente.
Qualche nervosismo a noi autoctoni viene - penso alla strada del Col de Joux o alla solita Mongiovetta - da quegli "smanettoni" che sfogano i cavalli dei loro mezzi nei tratti misti e talvolta sono presi dalla foga del sorpasso e della piega estrema.
Ma la maggioranza non eccede.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri