Pettegolezzo scritto e orale

Alcune delle riviste di gossip più noteL'estate è il periodo del gossip, modo elegantemente anglofono per dire pettegolezzo.
Credo di poter contare sulle dita di una mano chi in vita sua non abbia mai comprato una rivista "alla Novella 2000", specie in una di quelle giornate di ozio vacanzifero in cui dall'edicola il giornaletto scandalistico ti solletica la curiosità.
Vi è qualcosa di rassicurante e ripetitivo nei giornali, versione hard della vecchia cronaca rosa: storie d'amore e di passione, foto piccanti "rubate", calciatori, attori, veline. Insomma quella mondanità fatta di lustrini e stelline che pare piacere e distrarre dalla quotidianità come un pantheon di dei e personaggi mitologici che ci consolano nella nostra quotidianità.
Naturalmente in Valle non esistono giornali di pettegolezzo, perché il pettegolezzo è affidato all'oralità con un ruolo rilevante dei bar, che da noi rappresentano nell'insieme una rete così fitta, nel rapporto "pubblico esercizio - utenti", da far invidia a Las Vegas.

Commenti

Direi che in Valle prolifera...

il pettegolezzo politico "da bar" che regolarmente, con i dovuti ulteriori pesi ed aggiustamenti, viene riferito al diretto interessato, che spesso lo prende come una bibbia. Da lì a volte nascono odi e contrasti che durano nel tempo.
Sul fronte più gossip, anni fa, mi era giunta voce che si diceva che io fossi gay.
Per la cronaca, seppure in disarmo, sono etero.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri