Trino Vercellese

La centrale nucleare di Trino VercelleseTra la Valle d'Aosta e il Vercellese c'è un legame geografico, visto che la Dora Baltea, dopo aver attraversato il Canavese, arriva lì e - esattamente a Crescentino - confluisce nel Po.
Ora che il Governo Berlusconi ha deciso di puntare nuovamente sull'energia nucleare - con accordo con la Francia, da sempre uno dei Paesi leader - torna d'attualità la centrale di Trino Vercellese, dedicata ad Enrico Fermi. Il reattore di questa centrale - primo in Italia e più potente al mondo per un triennio dopo l'apertura - rimase in funzione dal 1964 al 1987 (l'anno dopo Chernobyl e anno della vittoria del "no" al referendum popolare sul nucleare) con grandi polemiche successive per il deposito di scorie radioattive di Saluggia vicinissimo alla Dora.
A breve, dopo la sentenza antiregionalista della Corte Costituzionale che consente allo Stato di posizionare dove vuole gli impianti nucleari, saranno scelti gli otto siti per altrettante centrali atomiche e Trino Vercellese è fra le localizzazioni possibili. Il paese si trova solo ad una sessantina di chilometri in linea d'aria dal confine della Valle e dunque nessuno ci potrà dire che il nucleare non ci riguarderà...

Commenti

In ogni caso...

il nucleare ha interessato, interessa e interesserà tutti i Comuni italiani. Compresi quelli con la scritta "Comune denuclearizzato".
Anche perchè, in caso di incidente, l'atomo radioattivo è estremamente democratico e dialoga con tutti fin dove può arrivare.
Praticamente è di centro!

Casini...

ci insegna, con un piedino in maggioranza a sostegno dello zoppicante Berlusconi...

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri