Nord e Sud

insalata_e_pomodori.jpgTutti a filosofeggiare per giorni, dopo che la "Banca d' Italia" ha spiegato che al Sud e al Centro, rispetto al Nord, vi sono molte voci più basse nel costo della vita.
Basta entrare in un bar, in un ristorante, in un negozio di frutta e verdura, in una macelleria per vedere che questa differenza c'è ed è evidente.
A spiegarne le ragioni ci han provato in tanti: dalle tasse pagate o non pagate ai costi di trasporto, dalle intermediazioni alle speculazioni, dalla taratura sulla disponibilità media del cliente alle regole della concorrenza, dall'adeguamento o meno a molte norme ad esempio sulla sicurezza al "nero" sui dipendenti. 
Tutto vero, per carità, e tutto sottoponibile a fini analisi economiche. Fatto sta che se compro il pane, bevo un aperitivo, pago un pranzo al Nord spendo di più.

Commenti

Tutto vero...

si spende di meno ma mi fa incavolare che si sta ritornando con l'equazione "Nord ricco, Sud povero". Ci si stupisce che gli stipendi e le pensioni sono più alte da noi e basse al Sud. Mi viene il dubbio, anzi la certezza che al Sud si lavora molto in "nero" per cui poi le pensioni sono di conseguenza basse ma vengono integrate da false pensioni di invalidità.
Perdonatemi, ma ne ho le tasche piene di queste equazioni.

Già...

sempre con il rischio, oltretutto, che elementari constatazioni vengano considerate come dichiarazioni antimeridionali.
Mentre credo che sarebbe interesse del Sud prendere atto di una situazione di crescente gravità nei rapporti con il resto d'Europa, per uscire dal giochino - tutto italiano e così storicizzato - Nord-Sud.

Con il clima...

e le coste che ci sono in Italia, bene organizzato, (alla romagnola tanto per capirci) il Sud farebbe le scarpe alla California tanto è bello, peccato che sia insito fare sempre i "furbetti del quartierino", per ogni cosa.
Coste, sole, cultura e tradizioni, un mix vincente per un turismo da esportare, ma... da anni sento lamentarsi del Sud e di questo e di quello... ma lo sai che il mio collega che sta a Bari e fa le stesse mie cose è inquadrato come figura dirigenziale con annessi e connessi? E' che tutte queste cose vengono volutamente taciute da chi informa (o meglio disinforma), la Sicilia, che è autonoma come noi, ne fa di cotte e di crude, ma non si sa mai nulla.
Come mai!? Forse perché va bene così, almeno poi si possono dirottare risorse (euro) in quella direzione dove c'è già qualcuno che si è ingegnato a "truschinare".
Come ogni tanto dico ad un mio amico che è di Reggio: «sei ben bravo ma almeno una volta al giorno sei t*****e», ed il bello che mi replica sempre «e meno male»...

Mio nonno...

- l'ho già raccontato - denunciò al Viminale le infiltrazioni mafiose nella Prefettura di Palmi all'inizio 900.
Risposta del Ministero dell'Interno al Prefetto: «si prega pazientare».

Ma sai...

a volte non posso dar torto al fatto che a Palermo, ad esempio, facendo il "palo" al traffico dei "tossici" si guadagna quello che io non prendo in quindici giorni di lavoro. Il fatto è che il marcio si dirama dal vertice della piramide delle istituzioni o degli organi che dovrebbero intervenire e non dalla base, come ci si potrebbe aspettare.
E se riesci a scalfire un po' le coscienze, fai una fine orribile. Il brutto è che già da piccoli è radicato questo modo di ragionare.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri