Carceri al collasso

casa_circondariale_brissogne.jpgIl carcere di Brissogne scoppia nuovamente di detenuti con condizioni di vita difficili non solo per chi è in galera (circostanza che non emoziona generalmente l'opinione pubblica), ma anche per chi - come la Polizia penitenziaria - deve lavorare in situazioni complesse, comprese le ristrettezze causate dalla continua riduzione dei fondi a disposizione. Non avete idea come in questo settore, e nell'intero comparto sicurezza, il denaro a disposizione non corrisponda affatto alle dichiarazioni aggressive e muscolose contro la delinquenza. Non si fanno le nozze con i fichi secchi.
E' finito l'effetto indulto che aveva reso vivibile la prigione e ci si ritrova nelle condizioni precarie di prima.
Spiace perché Aosta potrebbe essere un carcere modello ed invece finisce per essere niente altro che uno stabilimento penitenziario sovraffollato.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri