Cristiani perseguitati

croce_pietra.jpgBasta una piccola ricerca o leggere alcuni libri per verificare quanto, nei diversi Continenti, in barba alla libertà di religione come uno dei princìpi cardine del diritto internazionale, i cristiani siano perseguitati.
Le recenti morti in Pakistan sono solo la più recente punta di un iceberg. Eppure, alla fine, anche in Paesi a larga maggioranza cristiana come l'Italia, la questione sembra non fare scandalo. Paiono essere distanti guerre tribali, di cui non vale la pena di occuparsi.
Ed invece, pure mondate da vicende locali che spesso hanno specifiche chiavi di lettura, queste persecuzioni danno una lettura dei tempi - con una grande carica di violenza - che ci deve fare riflettere e, come si diceva un tempo, mobilitare.
Se qualcuno ce lo chiedesse.

Commenti

Reciprocità...

Riprendo il contenuto di alcuni post addietro.
In fondo il buon Abbé Lavoyer diceva una cosa saggia.
Aggiungo: tollerare l'intolleranza produce intolleranza.
Non sto dicendo di far fuori i musulmani, per carità, però non credo che sarebbe male pretendere che i paesi da cui provengono i nostri immigrati pratichino un maggior rispetto per le società che ospitano i loro cittadini.
Altrimenti... camèl, barcheta... e turnu a ca'.
freeOliver

L'ennesimo esempio...

tempo addietro, inorridito dagli eventi, avevo sbottato dicendo: «se qualcuno invade l'Italia, spero che non ci venga a salvare l'Onu».
Il cosiddetto mondo civile si nasconde dietro agli equilibri politici. Che, giustamente, non vanno invasi, ma gridare il proprio sdegno è legittimo.
Siamo pieni di comunità di recupero per ogni tipo di dipendenza: gioco, alcool, stupefacenti, sesso, addirittura personal computer.
Forse dovrebbero esserci delle strutture che disabituano alla violenza. O al menefreghismo. Basterebbe fare come Orson Welles e il suo famoso scherzo: raccontiamo a tutti che il calcio in italia è abolito e i prati diventeranno orti...
Vedreste la più massiccia sollevazione popolare degli ultimi 50 anni.

Si rischierebbe...

la guerra civile...

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri