Nuvole

cielo_e_nuvole.jpgIl mio, da bambino, era un gioco solitario e ricordo certi tramonti colorati visti da Pila, nella baita estiva di zia Eugenia, che ispiravano la fantasia.
Mi riferisco alle nuvole: elemento effimero e cangiante, che dà il senso di come si possano piegare anche queste bizzarre e aeree costruzioni all'immagine umana che forgia questo nostro mondo. Il gioco, che poi ho scoperto essere più divertente in gruppo, sta nell'osservare le nuvole e interpretare che cosa si possa
rinvenire - oggetto o animale - in quelle forme.
Una sorta di visione da aruspico senza l'impegno di dover predire il futuro.

Commenti

In compagnia...

è un bel gioco e lo è ancora di più se fatto con i propri figli.
Se poi si è stesi in un prato dopo un po' sembra di volare...

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri