Chi è Paolo?

rotolo.jpgUna delle ossessioni della modernità è la puzza. Non ho mai fatto il monatto o lavorato negli spurghi e dunque il naso mi funziona bene, perciò osservo come un tratto contemporaneo, rispetto ad un'infanzia odorosa come era normale che fosse, quanto siano numerose le pubblicità di deodoranti in tutte le salse. Si va dall'igiene intima alle ascelle, dall'infanzia alla terza età, si sale dai piedi all'alito, si scende dai capelli al culino.
Ma il top è il deodorante da bagno che, facendo il pari con i detersivi usati per bonificare lavandini o bidet raccapriccianti, trasforma con un semplice tocco in boschi odorosi anche i cessi simili ad antri infernali.
Basta un "psss" e spuntano fiori e effluvi paradisiaci. Ma colpisce il bimbo nello spot televisivo che non vuole andare nel puzzolente bagno domestico, ma comunica bruscamente alla mamma che accetta di farla solo nel gabinetto di Paolo, dotato evidentemente del giusto profumo ambientale.
Ma chi è 'sto Paolo?

Commenti

Potrebbe essere...

Profumo Paolo?
Su paginebianche.it ne abbiamo ben tre a Genova, uno a Licata (AG), uno a Milano.
Se, invece, Pulito Paolo, uno a Rozzano, uno a Monselice, uno a Treviso e uno a Sesto San Giovanni.
Bagno Paolo, invece, un sacco... ventiquattro... andate sulle paginebianche web.

forse Barca ?

Nei miei ricordi c'è un certo Paolo Barca, maestro-elementare-praticamente-nudista.
Chi se lo ricorda?

Ma no...

significa: Pulizia Automatica per Odorosi Luoghi Occasionali.
Attenti a non scivolare! :0)

Perché...

sono colpito, malgrado l'evidente futilità del tema e l'ovvio divertissement insito nell'argomento?
I pubblicitari non fanno niente a caso e mi stuzzica capire dove vogliano parare.
Intanto è un rapporto madre-figlio, in assenza del papà che dovrebbe essere - per antonomasia - il principe del bagno. E poi appunto c'è Paolo.
Amichetto del bimbo?
Lumacone che tresca con una mamma separata?
Vecchietto vicino di casa?
Misteri della pubblicità...

Sicuramente...

il classico terzo da imitare per avere il risultato taumaturgico del prodotto in promozione.

Non ci resta...

che aspettare di vedere la seconda puntata.
E ringraziare il cielo di non chiamarci Paolo...

Paolo?

semplicemente uno che ha l'asse del wc ricoperto di morbido peluche... e di una caterva di numeri di "Topolino" accatastati sulla lavatrice... capito perché a tutti piace il bagno di Paolo!

Qualcuno...

si ricorda la pubblicità antecedente, sempre dello stesso prodotto?
Non aveva il protagonista di nome Paolo che si dimenticava della ragazza per inchiodarsi nel profumo del bagno?

Mi è sfuggito...

dunque direi che Paolo è il fidanzato della mamma separata!

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri