Scuola regionale

banco_scuola.jpgDal 1975 il comparto scuola è pagato dalla Regione e il personale insegnante è dipendente regionale. Peccato che il contratto sia rimasto nazionale e la Regione lo subisca senza nessun tipo di partecipazione.
L'autofinanziamento ha evitato soppressione di scuole e di cattedre come avvenuto in Italia, anzi da noi offerta scolastica e insegnanti sono aumentati. Il costo del comparto scuola si appresta a superare il costo di tutti gli altri dipendenti regionali, eccettuata la Sanità i cui costi di personale sono egualmente decisi a Roma.
L'ovvietà alla Totò dovrebbe essere: chi paga contratta, come avviene felicemente a Trento, dove i contrari alla provincializzazione si sono ricreduti.

Commenti

Insegnanti regionali...

si! Lo voglio.

Ma chi è che...

frena questa evoluzione?

Unico sindacato...

senza "se" e senza "ma" è il Savt.
Spero che con gli altri sindacati si possano trovare soluzioni ragionevoli.

Abbiate pazienza...

ma cosa impedisce una piena autonomia di contrattazione: la paura di avere contratti meno vantaggiosi rispetto al resto dell'Italia?

Ideologia.

Ideologia ben espressa dalla dichiarazione antiautonomista e confusa dei Verdi.

Scusate...

ma non è come darsi una zappata sui piedi?

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri