Federalismo fiscale: al voto al Senato

senato_voto.jpgChe sia chiaro che di federalismo non c'è traccia. Si tratta di propagandare un semplice e rischioso cambio di traferimento di risorse centro-periferia.
Rischioso per noi di certo. Sin dalle sue origini, persino ai tempi del Duché d'Aoste ed a maggior ragione nel dopoguerra, la nostra autonomia è appesa al filo dell'autonomia finanziaria.
I primi eroici decenni di autonomia speciale sono stati caratterizzati dalla difficile ricerca di soldi sino alla stabilizzazione del nostro riparto fiscale che fonda il nostro ordinamento finanziario. Oggi molti rischi si profilano all'orizzonte ed è bene essere vigili e ricordare il ruolo nobile della politica "vera" in certi frangenti, quando basta poco per distruggere un sistema autonomistico assestato.

Commenti

Riforme all'italiana

Ancora una volta ci troviamo alle prese con una riforma pasticciata, convulsa, figlia di estenuanti compromessi tra le forze politiche della maggioranza di centro destra.
Ho l'impressione che questo Governo voglia toccare più punti senza poi entrare nel merito delle questioni. Il sogno di avere un Obama operativo alla luce del sole anche in Italia è immenso.

Non è solo l'uomo di riferimento...

ma anche avere il coraggio di chiamare le cose con il loro nome: nuova ripartizione finanziaria, forse sarebbe il titolo giusto. La falena del federalismo, si allontana e sento l'eco: Roma ladronaaaaaaaaa....

Considerazioni...

In effetti il fondamento dell'esigenza del federalismo in Italia oggi sta nella ricerca di più soldi da parte delle Regioni che ne producono di più. Una ricerca autentica di un federalismo sentito come esigenza di popoli che si sentono veramente diversi dagli altri non mi sembra esista. Forse un lombardo si sente diverso da un campano, ma ritengo in maniera superficiale, oggi sono sfumature le differenze, sono sempre meno quelli che parlano i dialetti e vi è un completo mescolamento matrimoniale.
La Valle d'Aosta e l'Alto Adige ritengo abbiano condizioni storiche, sociali, politiche, linguistiche, ecc. ben diverse, che hanno dato origine ad autonomie cercate al di la del riparto fiscale e che permangono anche con questa fusione culturale (che peraltro ha molti aspetti positivi).
Io sono per il federalismo in Italia più per un autogoverno e autodeterminazione delle Regioni che per una finalità esclusivamente economica. L'idea del federalismo per una migliore autogestione del territorio. E' vero che la nostra autonomia, come tutte, è appesa al filo dell'autonomia finanziaria, ma lo scopo è sempre stata l'autonomia in se stessa e non l'autonomia finanziaria, scusate il gioco di parole.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri