Nevi

luna_neve.jpgEsiste una dimensione lirica e onirica della neve?
Non prendetemi per matto, ma l'innevamento di quest'anno è per me - con più tempo - una riscoperta che non è banalmente il solo gusto dello sport.
Penso alla neve farinosa sotto i miei sci da fondo questa mattina in una specialità che non è molto mia, ma il pretesto era il cielo azzurro e il sole. Penso alla neve illuminata dalla luna sotto i miei sci da discesa questa sera, come avveniva da ragazzo in una dimensione quasi magica con le nostre vette all'orizzonte come disegnate.
Ma i ricordi sono sensazioni e rumori. La neve fresca che soffia attorno a te, il rumore delle lamine che mordono la neve dura primaverile, la neve marcia insidiosa quando il sole ricorda al ghiacciaio che è estate.
Vale per la neve la grande lezione che ho imparato occupandomi di montagna.
Bisogna parlare sempre di "montagne" per dare il senso di un ventaglio ricco e mutevole e così, per le stesse ragioni, si deve parlare al plurale di "nevi".

Commenti

Montagna neve freddo...

La montagna, la neve, il freddo fanno parte di un'unica famiglia di cui non potrei fare a meno. Quante volte ho invidiato gli scandinavi nel loro paesaggio di conifere e neve, ma a loro mancano le montagne, perlomeno quelle "vere".
La neve è quella più amata perché è quella che riassume il freddo e la montagna. Vederla sciogliere fa sempre venire tristezza.
Il mio viaggio di nozze è stato un peregrinare (a dicembre di una decina d'anni fa) tra le alpi dell'Austria, cercando di percorrere le strade più secondarie in modo da avere ancora più neve, boschi e montagna intorno. Non sono mancate le sciate a Sankt Anton e Lech, per vedere se era diverso.
Bei tempi, ma quest'inverno non è il caso di andare molto lontano per trovare atmosfere mozzafiato, la Vallée è tutta bianca, bellissima.

Mai come in questi giorni...

ho sentito dire: «finalmente siamo in un paesaggio montano!»
Bene! Il mio essere un po' antico è appagato!

Le sfide in notturna...

wow!!!
Siamo riusciti a combattere anche i -30 per il divertimento...

Non capisco...

a cosa ti riferisca!
Fondo notturno?

mai provato...?

a raggiungere un determinato luogo, al chiaror di luna, con le pelli di foca ed una discesa mozzafiato dopo...
wow...
l'ultimo dell'anno, luna permettendo, è di buon augurio.

Notturna

a Valtournenche, salita funivia, cazzeggio a far salti davanti al ristorante e poi a notte fonda giù fino in paese con la bici e la frontale che, mannaggia, facesse anche un pò più di luce .......una goduria!

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri