Topolino

disney_e_topolino.jpgEra il 1928 quando Walt Disney inventò in un cartone animato il personaggio di Topolino. Ottimista e coraggioso, Topolino mi ha accompagnato come fumetto nella mia infanzia con poca tv.
Oggi che ha 80 anni ha il vantaggio di non essere invecchiato e di essere sopravvissuto a decenni difficili: dalla crisi di Wall Street alla seconda Guerra mondiale, dalla Guerra fredda ai fumetti giapponesi.
Ancora oggi, se capita, sbircio il giornalino e guardo i cartoni sul canale satellitare. Le storie sono ben diverse da quelle di un tempo, ma Topolino (lo scrive chi si rispecchia di più in Paperino) mantiene classe e sangue freddo.

Commenti

Pippo

Io sono una fans di Pippo,anche se troppo spesso viene considerato un personaggio di second'ordine:in tutta Eurodisney non si trova un suo pelouche!

Sai una cosa?

Secondo me Topolino è la spalla di Pippo! E' un vero genio!!

Sarà

Sarà, ma Topolino è felice perchè si fa le topoline, invece Pippo no...

:-)

:-)

beh, saremo in tanti, immagino...

a leggere ogni tanto Topolino. Addirittura, un paio di anni fa, mi ero rifatta un abbonamento... poi, accorgendomi che durante la settimana, non avevo più tempo per leggere tanto, ho lasciato perdere. Pero, è vero che le storie sono sempre abbastanza in relazione con l'attualità. Quando Paperone aumentava le tasse a Paperopoli, si sentiva di aumenti di tasse in Italia...
Quando sono in Italia e che lo trovo ancora in edicola, compro Topolino e ùmi diverto a leggerlo con la colazione, invece di leggermi le cose più serie che dovrei... ma sono rimasta una bambina, che ancora lascia il biscottino per Babbo Natale e il sale per l'asino. Sono pur riuscita a fare in modo che i miei figli, di 22 e 23 anni, si aspettino la calza piena di dolciumi portati dal Babbo Natale inglese, sotto il camino... e mia figlia, avendo appena traslocato, mi chiedeva se Babbo Natale sapeva se dover riempire il calzino a casa sua o nostra!!!!
La vita è fatta anche di queste belle cose, che, anche se non ci credi, fai finta, e fai durare il sogno. Per me, è una cosa bellissima, come la neve a Natale o d'inverno, che è, come diceva qualcuno su un altro post, segno di normalità...
Un caro saluto a tutti...

E' davvero

una bella poesia!!

Viva la normalità!

Un bel racconto! Il nostro mondo personale, familiare, comunitario non deve diventare arido.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri