Assessore tecnico

Oggi, come già mercoledì scorso, ho votato in Consiglio per Albert Lanièce come Assessore tecnico sino alla sentenza di Cassazione sulla sua ineleggibilità.
Sulla scelta del Presidente Rollandin mi sono espresso, con alcune riserve, al Gruppo dell'Uv, prendendo atto della volontà della maggioranza e degli organi del Movimento. Credo esista una disciplina da seguire, nel limite della ragionevolezza e sapendo che ciascuno ha un ruolo e le sue responsabilità.

Commenti

Un po' di amarezza ...

Ritengo che la scelta di non coinvolgere un nuovo assessore in attesa del pronunciamento finale sia semplicemente realista e la condivido. Altro sarebbe se Laniece venisse nominato in via definitiva anche dopo un eventuale parere contrario della Corte. Inoltre credo che un Presidente che ha il consenso di cui gode Rollandin possa scegliersi la squadra che vuole senza che gli si debba troppo rompere le scatole. Resta un po' di amarezza per il metodo scelto dalle opposizioni per darsi visibilità e credibilità in attesa dei prossimi appuntamenti elettorali. La nostra gente non ama queste macchinazioni e questi sotterfugi, non siamo di fronte a due banditi mafiosi o altro, siamo di fronte a due persone normali che hanno peccato di una certa disattenzione verso una norma, peraltro nuova e tuttaltro che chiara. Perseguitare gli avversari con l'arma della magistratura non paga, imparino i nuovi alfieri della legittimità, hanno fatto di tutto contro Rollandin ma lui si è preso il record assoluto delle preferenze, qualcosa vorrà pur dire no? Coi valdostani queste bassezze non attaccano. Fare politica è un'altra cosa. Saluti.

ineleggibilità

Tolto Luciano, dove non c'erano i presupposti, gli altri ricorsi tecnicamente ci sono. La Corte d'Appello si è espressa e i ricorsi alla Cassazione faranno storia per le prossime elezioni. Perchè l'opposizione si sia schierata in modo non politico è chiaro, e tu freeOliver lo hai espresso bene, visibilità data dalla legittima richiesta allo stato di sciogliere un dubbio :-)
Per quanto riguarda Rollandin è giusto che governi, avendo ottenuto il massimo dei voti: la VdA così si è espressa. E, per la prima volta in Valle, si è seguita la consuetudine nazionale: chi prende più voti ha il diritto/dovere di guidare il governo.
Invece, per quanto concerne la sua canditura, non ero e non sono convinto che fosse opportuno presentarsi.
Sono comunque d'accordo con te: fare politica è altra cosa.
ciao

Alberto Grisero - Aosta

Egregio Free Oliver, premesso che, in democrazia, anche il veterinario di Brusson deve accettare che gli si rompano le scatole (poverino!)
mi pare, francamente, che Albert Lanièce, non possa fare l'assessore tecnico, in quanto, non è affatto tale: si tratta, invece, di un politico a tutti gli effetti, che si è candidato in una lista elettorale, salvo, poi, risultare ineleggibile. In ogni caso, è sempre meglio lui che un interim, alla Sanità, a Rollandin o la "riesumazione" di un altro "tecnico" come Dino Viérin!
P.S: un assessore (o ministro, in campo nazionale) per essere tecnico, dev'essere un professionista prestato, MOMENTANEAMENTE, alla politica, senza avere, cioè, tesserini di Partito in tasca: mi sembra quindi ovvio che, né Lanièce, né Viérin, siano due tecnici.

Lo dico una sola volta

Lo dico una volta e non lo ripeterò più.
Non intendo discutere di alcunché con Grisero.
Ho già dato in altri siti.

Alberto Grisero - Aosta

Mi dispiace, mio caro Corrado, che tu sfugga al confronto con chi la pensa in maniera diversa da té; in ogni caso, durante l'estate 2007, sul forum dell'Union Valdotaine, ci siamo proprio divertiti, non è vero?!

Già

Difatti è stato chiuso per eccessi...

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri