Lo spostamento dei Re Magi

I Re Magi da presepeCon l'avvicinarsi dell'Epifania, nel presepio della mia infanzia, i tre Re Magi progredivano, con quotidiano spistamento, verso la capanna. Della Befana mi interessava meno, anche se non trovavo niente male il carbon dolce. Oggi questa invenzione del fascismo mi convince sempre meno e mi pare che non sia diventata una tradizione vera e propria, buona sola per le calze esposte negli autogrill.
Bel mistero questi Magi.
Nei Vangeli sinottici, quelli "ufficiali", solo quello di Matteo afferma che «Gesù nacque a Betlemme di Giudea al tempo del re Erode. Alcuni Magi giunsero da oriente a Gerusalemme e domandarono...». Il plurale adoperato chiarisce che fossero più di uno, ma senza precisarne il numero e non si dice altro.
Qualcosina di più emerge nei Vangeli apocrifi, dove i Magi appunto sono tre e portano i celebri doni: oro, incenso e mirra e spunta la questione, ricca di misteri scientifici, della stella cometa che annunciò loro la Natività.
E spuntano i nomi di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre (quello di colore), anche se i milanesi li chiamavano - a complicare la storia - con i nomi di Rustico, Eleuterio e Dionigio.
Cosa c'entra Milano? Nel 325 dopo Cristo a Costantinopoli, Eustorgio, quando venne nominato vescovo di Milano, ricevette le reliquie dei Magi dall'imperatore Costantino e queste reliquie - improbabili come buona parte dei "resti" dei Santi - furono oggetto nella città meneghina di grande devozione, fino a quando nel 1162 Federico Barbarossa, come bottino di guerra, decise di spostare a Colonia i resti mortali dei Magi (questi germanici, dal Barbarossa ad Angela Merkel...).
Reliquie che scomparvero dopo i bombardamenti alleati su Colonia alla fine della seconda guerra mondiale, che investirono anche il duomo della città. Un tassello nel puzzle dei misteri e della difficile simbolistica legata ai Magi.
Ma le statuine non risentono di questa complessità.

Commenti

I magi...

anzi sarebbe più esatto dire "maghi", ma lo si omette per non generare sconcerto, erano più di uno, visto il plurale.
Tre forse nasce dalla cabala ebraica del numero perfetto e dai tre doni, che Matteo cita nel Vangelo ufficiale, oro, incenso e mirra, uno per ciascuno, altrimenti troppa fatica...
Il corteo dei magi nel presepe genovese è stupendo, con figure e abiti da favola, sono personaggi che mi hanno sempre affascinato, se penso seguire una cometa, vuol dire seguire un sogno...

Bella quest'idea...

d'inseguire un sogno!
Hai fatto bene anche a ricordare - non avevo controllato - che di "oro, incenso e mirra" parla già Matteo.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri