Il Paese del Bengodi

La fine del 'Paese della Cuccagna' in 'Pinocchio', che si trasforma in somaro dopo LucignoloVorrei sapere come verrà spiegata ai valdostani la "mazzata" data alla nostra Regione, così come all'insieme della democrazia locale, derivante dalla multiforme Finanziaria estiva del Governo Berlusconi. Fossimo in guerra, essendo il Popolo della Libertà in Valle alleato della maggioranza autonomista, si chiamerebbe "fuoco amico", come un tuo commilitone che ti spara nella schiena. Lo scrivo con dispiacere perché non c'è da gioirne.
Credo che il Consiglio Valle, quando il testo arriverà in Parlamento, dovrà, come avevo già suggerito di fare nella seconda Commissione che si occupa di questa materia, capire bene problemi e conseguenze. 
E sarà indispensabile non minimizzare, perché nascondersi dietro un dito sarebbe davvero ipocrita: le bugie hanno le gambe corte, specie quando un'alleanza politica sembrava preludere, paradossalmente in un momento di declino del berlusconismo come "antipolitica", al "Paese del Bengodi" o quello della "Cuccagna".
Invece siamo integrati - e in parte complici - della tetra e livida Italia di questa strana stagione politica. Si sarebbe dovuto evitare per poi trovarsi, come ci si troverà, a piangere sul latte versato. E' vero che le posizioni in politica mutano ma i tempi e le circostanze non sono banali quando si decide di attraversare una linea di demarcazione.

Commenti

"Paese del bengodi"...

veramente io vorrei sapere invece dove prenderanno questi soldi:

(ANSA) - ROMA, 2 LUG - Le pensioni più basse, fino a 3 volte il minimo, ovvero fino a un importo di 1.428 euro mensili, sono rivalutate al 100%. Lo precisa l'Inps rispetto alle notizie sulla manovra anticipate in questi giorni. Le pensioni tra 3 e 5 volte il minimo - tra 1.428 e 2.380 euro mensili - saranno rivalutate al 100% nella fascia fino a 1.428, così come le pensioni oltre 5 volte il minimo (superiori a 2.380 euro). I pensionati interessati dalla sono 4,4 milioni, su circa 16 milioni di pensioni erogate.

A me dà l'impressione dell'ennesimo scippo di soldi dalle pensioni delle nuove generazioni, per darli ai pensionati attuali, il tutto per recuperare un po' di voti.

P.s.: certe pensioni sono veramente troppo basse ma non tutte.
P.p.s: avevo capito male io, viene rivalutata la pensione in base all'inflazione.

Legge di bilancio...

Dalle prime informazioni captate dai giornali, sembra confermata la voce che vuole nuovi tagli e nuovi sacrifici, sempre e solamente per le fasce più deboli, una manovra che rimanda al 2013 - 2014 l'assunzione concreta di responsabilità e dunque, della soluzione dei problemi principali (a partire dalle pensioni) e dunque, proiettati, illuminati da una nuova legislatura e da un nuovo Esecutivo.
Lo stesso presidente della Regione ha commentato negativamente la manovra varata. Ora, si tratta di capire quanto i nuovi equilibri politici regionali, PdL in testa sapranno spiegare, giustificare ma soprattutto proporre idee che non facciano "sbattere il muso" ad una realtà come quella valdostana che da anni fa fatica.
Erano a Roma, per la "incoronazione" di Angelino Alfano i massimi esponenti del Popolo della Libertà valdostano, qualcosa sarà stato detto loro, chissà...

Se penso...

che Lega accetta di fatto, senza colpo ferire, che quelle briciole di federalismo che aveva ottenuto spariscano con la manovra, allora mi chiedo a gio o stia giocando.
Io temo, caro Geronimo, che ci terremo la mazzata senza sconti.

Caro Luciano...

credo proprio che andrà a finire così, con una Lega piegata come non mai a quello che con sommo disprezzo definiscono "centralismo romano", ma che al contrario, amano e sfruttano in ogni suo aspetto. Vergognoso l'ultimo attacco di Bossi al Capo dello Stato, segno di un totale degrado istituzionale, assai peggiore di quello vissuto negli ultimi anni della prima repubblica.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri