Pensieri sulla scuola da Cogne

Il sottoscritto durante l'inaugurazione dell'anno scolastico 2021-2022 a CogneTorno sull'apertura della Scuola e poi, per carità, parlerò di altro. Per fortuna qui registro pensieri vari anche per sfuggire ai rischi di concentrarmi solo dal mio lavoro e dai dossier che devo seguire.
Scrivo per tenermi in palla e anche per distrarmi. Un impegno che mi fa piacere e so che siete parecchi che gettano uno sguardo.
Ieri, lunedì 13 settembre, la gioia dell'apertura è stata come un respiro di aria fresca, malgrado certi problemi iniziali che non ho omesso per nulla. Sento profondamente il dovere di risolvere alcuni problemi sul tappeto, anche se non è facile, essendo il mondo scolastico assai composito.
Intanto, ecco il mio intervento a Cogne.

Il futuro e le radici

Il sottoscritto sul palco della 76esima Assemblea di Confindustria Valle d'AostaParlare in pubblico, quando capita e non solo di questi tempi e nell'attuale mandato nell’emiciclo del Consiglio Valle, è per me un piacere. Ritengo che ogni occasione sia buona per esprimersi e appartiene ai doveri di un politico e lo era già ben prima che il mondo dei "social" aprisse nuovi canali e modalità di comunicazione.
Aggiungerei, però, quanto sia bello farlo con un uditorio davanti in carne ed ossa. Una sala con esseri umani consente a chi parla di regolarsi con il clima che si crea e vedere le reazioni, anche se - bisogna essere sinceri - la mascherina quale problema di visibilità dell'espressione dei volti lo manifesta per ovvia evidenza.
Ma quel che conta è l'attenzione sospesa: un pubblico attento e silenzioso e non è distratto e dopo anni di discorsi nei posti più disparati e non solo istituzionali si matura una specie di istinto che ti consente di valutare in corso d'opera se si crea o no il giusto feeling che serve per avere un buon risultato. Qui propongo un mio discorso di ieri alla Assemblea della "Confindustria" valdostana, ospitata nella singolare location di un hangar dell'aeroporto di Aosta.
Si tratta di guardare avanti, ma ricordando le radici.

Dialogo sulla montagna

Francesco Tomatis durante la presentazione ad AostaNei giorni scorsi è stato ad Aosta Francesco Tomatis, professore universitario e filosofo cuneese, che ha scritto in questi anni su argomenti assai interessanti attorno alle questioni della montagna e anche su personalità molto vicine alla Valle come il celebre Luigi Einaudi ed il filosofo di origine valdostana (Morge di La Salle) Luigi Pareyson.
"La via della montagna" (editore Bompiani) è il suo libro più recente, che presenta in ben settecento pagine fatte di idee, problemi, personaggi, in modo variegato e sempre convincente con estrema profondità culturale, da cui non si può che imparare.
Ne consiglio la lettura, che va fatta con la lentezza di chi ne deve apprezzare la ricchezza di contenuti e anche certi passaggi che obbligano alla riflessione.
Il vantaggio è che i molti capitoli si possono leggere con calma, essendo disgiunti, pur nel disegno complessivo dell'opera.

Ecco la registrazione, con alcuni miei passaggi nella presentazione, di quanto detto ad Aosta.

La Politica è ancora passione

Io con la valigia, la Grolla e la Coppa dell'Amicizia durante il comizio di 'Mouv'Lo so: al cuor non si comanda. Come uno dei fondatori di MOUV' non potevo esimermi da dire qualcosa al comizio di chiusura. L'ho fatto portando sul palco una vecchia valigia, zeppa di oggetti che servivano per raccontare idee, speranze e anche le paure e le delusioni.
La Politica resta una passione nella mia vita e non si può lasciarla da parte, anche quando non si hanno ruoli apicali di movimento e non si è in corsa per un seggio. Anzi, proprio per questo bisogna proporre la propria testimonianza civile in momenti di passaggio in cui "chiamarsi fuori" suonerebbe come un tradimento dopo una vita spesa in larga parte nell'impegno pubblico.
Buon ascolto.

La politica è una passione, ma non solo

Un momento durante il mio discorso all'Assemblea di 'Mouv'
La Politica è una passione, ma è anche un dovere civico e non caso la libertà di associazione e il ruolo dei partiti godono di una tutela nella Costituzione. E ciò deriva come reazione alle logiche liberticide del periodo fascista da non dimenticare mai e dalla preoccupazione dei costituenti di permettere "con metodo democratico" quel diritto non comprimibile dei cittadini di associarsi liberamente.
Ci pensavo al giro di boa di "Mouv'" nel corso dell'Assemblea fondativa di sabato pomeriggio, quando ho avuto il piacere e l'onore di intervenire con un discorso di cui vi propongo l'audio.
Penso che questo incontro sia stato un momento importante e non divisivo, nella strada di una ricomposizione del mondo autonomista, che ha bisogno di momenti di confronto e di approfondimento. Bisogna esserci e non accontentarsi di delegare.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri