L'autodafé

Una stampa che raffigura un autodafé a MadridSi è sviluppata attorno alle scelte di chi, come me, ha lasciato l'Union Valdôtaine una polemica comprensibile e che rientrava nei rischi assunti e accettabili sino a quando non si sono adoperati - da parte di chi ha scelto i panni del "nemico", quando al limite doveva essere un "avversario" - insulti, insinuazioni e toni violenti.
Le accuse, anche le più rudi, fanno parte delle regole del gioco, visto che la politica non è un'attività mite, ma come sempre c'è chi esagera e monta la panna con grande impegno e in certi caso con l'eccesso di zelo di chi nasce schiavo e si sente interprete di un autoctono "autodafé".
Spieghiamoci. Il dizionario storico della "Treccani" così definisce l'autodafé: "in senso letterale, dal portoghese auto da fé, "atto della fede". Proclamazione pubblica della sentenza dell'Inquisizione spagnola contro i colpevoli di eresia, cui seguiva l'abiura o la condanna. Indicò anche l'esecuzione sul rogo degli eretici e le cerimonie che la accompagnavano. Il primo autodafé fu celebrato a Siviglia (1481), l'ultimo in Messico (1815)".
Il meccanismo è interessante: chi si pente con l'abiura e non segue più l'eresia è bravo e verrà salvato dalla morte. Di pentiti ne abbiamo visti anche in queste settimane nella politica valdostana con persone che hanno fatto delle giravolte da circo e che hanno ottenuto vantaggi o promesse di vario genere. A dire il vero abbiamo testimonianze di chi, al contrario, ha respinto le lusinghe per ottenere il pentimento richiesto e di chi con coraggio ha respinto al mittente le minacce, genere «attento al lavoro» o «occhio alla tua attività». Si chiamerebbe "minaccia" o, se riuscita, "violenza privata". Roba da codice penale e moralmente deprecabile, ma c'è chi per detenere il potere sarebbe pronto a un patto con il demonio e purtroppo anche in politica esiste il male.
Ma l'interesse maggiore è - nell'uso odierno dell'autodafé - per l'eretico, che viene accusato di seguire una falsa dottrina. Per lui il destino è il rogo purificatore, compiuto attraverso i comizi in cui dardi infuocati vengono scagliati verso il colpevole e più è basso il livello culturale dell'oratore e più si striscia nel fango. Alcune affermazioni rientreranno nell'olimpo dello scemenziaio.
Considero, a conti fatti, che queste affermazioni, sia per il contenuto che per chi le ha pronunciate, come delle medaglie al merito.
L'Inquisitore non deve più fare paura.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2019 Luciano Caveri