April 2018

L'Europa di serie A e di serie B

Viktor Orban, il confermato premier unghereseGli esiti elettorali in Ungheria, con un regime autoritario vincente, spaventano e sono dimostrazione che il suffragio universale è strumento usato anche dai "cattivi". Si aggiunge in più uno spunto per una riflessione periodica che riguarda il futuro dell'Unione europea. Ci si interroga sulla validità della scelta effettuata all'inizio di questo millennio di aprire l'Unione all'Est ed al Centro Europa in seguito alla crisi dei regimi comunisti Oltrecortina. Ho vissuto quegli anni a Bruxelles (prima al Parlamento europeo e poi al "Comitato delle Regioni") e reputo quella scelta come ineluttabile, perché se è vero che ci siamo riempiti di problemi e di qualche zavorra, ma senza l'ancoraggio all'Europa i fatti - vedi prima Balcani e poi Ucraina - sarebbero stati ancora peggiori.

Politica e Giustizia: il "caso Lula"

Lula mentre si consegna alla PoliziaSi può partire da molto distante per arrivare molto vicino? Ci pensavo rispetto al rapporto, sempre complesso, fra Giustizia e Politica: due poteri a fondamento della Democrazia, laddove c'è e funziona quell'equilibrio necessario per garantire il funzionamento dei meccanismi reciproci per evitare invasioni di campo. Nelle dittature il problema non si pone, perché il potere giudiziario non è libero e dunque al guinzaglio e dunque usato a tutelare dei forti e come punizione per gli oppositori.
In Italia si è molto parlato da sempre dei reciproci confini di buon vicinato e, specie dagli anni di "Tangentopoli", la Politica ha subito rovesci veri e propri a causa dell'intervento della magistratura e spesso si è discusso del rischio di eccessi negli interventi dei giudici, diventati autentici regolatori della vita pubblica. Questo è avvenuto, ma certo la Politica non ha dato buoni esempi, vista la ripetitività di certe storiacce all'italiana.

Non mi candido

Il logo di MOUV' che ci sarà sulla scheda delle elezioni regionaliNon mi candiderò alle elezioni regionali del 20 maggio prossimo. E' una scelta che ho fatto da tempo, comunicandola ai miei amici di MOUV', specie quelli con cui ho condiviso più di un anno fa la nascita del movimento di opinione, oggi movimento politico a tutti gli effetti. E' stata sinora una bella avventura e sarò forse un po' nostalgico a pensare a quando ho cominciato a lavorare sul simbolo (una spirale rossa su sfondo bianco, densa di significati!) ed a pensare al nome (MOUV' in nero con apostrofo rosso!) assieme a quei pochi con cui ragionammo in partenza. Si trattava, nella politica valdostana, di dimostrare coerenza con le cose dette per un rispetto elementare nei confronti degli elettori.
Nel mio caso personale, perché oggi MOUV' vede tra i propri iscritti persone di diversa provenienza, era necessario restare nel solco delle mie idee e di quanto compiuto nel mio lavoro nei diversi ruoli elettivi ricoperti dal 1987.

Le condizioni per rimettersi in piedi

Cerchi concentrici nello stagnoCi sono dei giorni in cui ti domandi, guardando soprattutto i tuoi figli e il loro avvenire, se davvero questa impressione di difficoltà generalizzata - dal posto in cui vivi al mondo intero - sia reale o se sia riportabile, almeno in parte, ad uno stato d'animo malmostoso. Ciò potrebbe derivare dai rimpianti che si hanno rispetto a periodi della propria vita in cui - per differenti ragioni - si era come i razzi in partenza coi motori a piena velocità e non ormai costretti nella routinaria velocità di crociera nello spazio profondo del tran tran quotidiano.
Il rischio manifesto può essere quello di vivere, guardando a tappe precedenti dall'infanzia all'adolescenza, dalla giovinezza all'età adulta, in cui tutto finisce per essere edulcorato da ricordi addolciti.

Siria, guerre e giochi sulle alleanze

Un bombardamento in SiriaPoiché è difficile andare a vivere altrove che non sia questa Terra che abitiamo e condividiamo in sette miliardi e più di persone, è vero come non mai che bisogna preoccuparsi dei focolai di guerra che periodicamente incombono anche sulla nostra testa. Soprattutto quando, come nel caso delle recenti vicende siriane e poco prima di quelle nordcoreane, si creano situazioni potenzialmente esplosive fra le superpotenze - in primis Stati Uniti e Russia - sapendo che, in barba a tutti i proclami, l'olocausto nucleare incombe sempre.
Chi conta sulla ragionevolezza degli esseri umani vada a vedere le guerre - più o meno note in corso - e vedrà come questa propensione bellicista è rimasta intatta, malgrado ad ammonirci ci siano non solo gli orrori della guerra di tutti i tempi, ma soprattutto le atrocità della Prima e della Seconda Guerra mondiale, entrambe sviluppatesi per un insieme di ragioni che hanno portato ai conflitti e che si sarebbero potuti evitare.

Candidati alle Regionali al via

I manifesti che annunciano i comizi elettoraliAnzitutto, grazie a tutti! Credo che sia doveroso indirizzarsi così alle centinaia e centinaia di candidati per le elezioni regionali. La loro è una scelta di mettersi a disposizione per la comunità, e questo supera ogni altra cosa. In un periodo come questo, in cui la tendenza è il rifiuto, mettersi in gioco è positivo.
Poi, per carità, ognuno terrà per la propria squadra e può osservare con compiacimento la propria e con maggior spirito critico quelle altrui. Ma esiste il rischio appunto di scadere nella tifoseria.
Per dire: ci sono ideologie che non mi piacciono, perché hanno fallito ovunque, ma questa è storia diversa. Così come il vantaggio della comunità ristretta è vedere chi lo fa per una forte passione, chi per senso del dovere, chi perché vittima del "do ut des" (clientelismo). Ci sono quelli che concorrono dopo averlo fatto con altri, c'è chi aveva predicato il limite dei mandati e ora vorrebbe superarli in scioltezza, c'è chi lo fa per amicizia verso qualche politico.

L'integrazione necessaria

Piazza San Carlo a Torino nella serata del 3 giugno 2017Lo ricorderete: era la sera del 3 giugno 2017, piazza San Carlo a Torino, luogo simbolo della città sabauda. Per la finale di "Champions League" tra Juventus e Real Madrid venne installato lì un maxischermo per permettere ai tifosi di seguire la partita in diretta dalla Scozia. Ad un certo punto della serata ci fu un moto di folla, che causò, per la calca delle persone in fuga, un totale di 1.527 feriti e una donna morì per schiacciamento.
Già si sapeva delle possibili responsabilità - secondo i magistrati - di politici, sindaco Chiara Appendino compresa, e di dirigenti comunali per via della presunta leggerezza nell'organizzazione della serata sotto il profilo delle misure di sicurezza. Le indagini più recenti, che confluiranno in un solo processo, hanno appurato che il panico durante lo svolgimento della partita sarebbe stato causato da un gruppo di rapinatori che utilizzavano spray urticante per rubare oggetti di valore tra il pubblico.

Il cecchino ed il franco tiratore

L'infallibile Jigen, dal manga 'Lupin III'Ci sono parole che usiamo talvolta con superficialità e, quando capita invece di scavare dentro l'etimologia (dalla storia più antica di formazione) e la semantica (significato sempre in evoluzione) troviamo la profondità e anche spunti interessanti nel suo uso.
Prendiamo "cecchino": se ci penso mi viene personalmente in mente quando sono stato sugli scenari di guerra nell'attuale Bosnia-Erzegovina e avevo avuto racconti spaventosi sulla crudeltà di chi sparava su militari e civili oppure - di più stretta attualità - del tiratore scelto israeliano che con giubilo colpisce un palestinese con ovvie polemiche.
Eppure all'inizio, nella rudezza della vita da trincea, il termine era nato in modo scherzoso e si sa quanto l'uomo sappia trovare, nelle circostanze più tragiche e pericolose, ragioni di scherno, quasi che agisse in modo scaramantico o per esorcizzare la paura.

Una primavera valdostana?

La primavera al Castello 'Baron Gamba' di ChâtillonVa bene, capisco che può capitare di fare associazioni di idee bislacche. Ma in fondo ogni pensiero può avere un capo e una coda e si può anche montarlo sulle ruote quadre.
Torno sulla primavera che irrompe e con essa tanti pensiero positivi. Mi sono rotto un braccio qualche tempo fa, per una caduta stupida, e ho avuto qualche noia per la calcificazione della frattura per via di una carenza di vitamina D, che pare sia comune in Valle d'Aosta e nel resto delle zone alpine. Leggevo a questo proposito sul giornale romando "Le Matin", quindi su un campione simile alla Valle: "le quarante pour cent de la population serait carencée en vitamine D, une proportion qui grimpe à soixante pour cent en hiver. Répandu et sous-diagnostiqué, ce déficit tend à s'accentuer après cinquante ans".

La forza sempiterna della burocrazia

Le pedine carrarmato di 'Risiko'Da quando sono grandicello assisto ad una battaglia campale, anzi ad una guerra degna di quella "dei Cent'anni", che riguarda una parola brutta, ma largamente adoperata. Si tratta di "sburocratizzazione", derivata della ben più nota e datata "burocrazia", fotografata in poche righe dalla sapienza della "Treccani": "L'insieme di apparati e di persone al quale è affidata, a diversi livelli, l'amministrazione di uno Stato o anche di enti non statali. Sebbene si possano ritrovare elementi significativi di amministrazione burocratica in epoche remote e all'interno di svariate civiltà (antico Egitto, Impero cinese, Persia e India, Impero romano e bizantino) nella sua forma più compiuta, la burocrazia è un prodotto del processo di formazione dello Stato, iniziato in Europa nel 16esimo secolo e costituisce la risposta all'esigenza del sovrano di fondare il proprio potere su un ceto di funzionari alle sue dirette dipendenze. Il termine burocrazia fu coniato dall'economista francese Vincent de Gournay nella prima metà del 18esimo secolo proprio per stigmatizzare la potenza crescente dei funzionari pubblici nella vita politica e sociale, che configurava una vera e propria forma di "governo dei funzionari", fra l'altro del tutto inefficiente sul piano dell'amministrazione dello Stato. Negli usi successivi il termine ha in parte mantenuto questa originaria accezione negativa. Nello stesso tempo, tuttavia, la nozione di burocrazia è diventata una categoria cruciale delle scienze storiche, politiche e sociali".

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri