December 2015

Il ponte delle spie

Tom Hanks e Steven Spielberg sul set del filmQuando si invecchia, la tendenza a mitizzare il passato è del tutto naturale. Si usa spesso l'espressione latina "laudator temporis acti" ("lodatore del tempo passato"), dovuta ad Orazio ("Ars poetica", 173), che considera il fenomeno uno dei tanti malanni dell'età senile. La frase originale è per essere precisi «laudator temporis acti se puero» («lodatore del tempo passato, quando egli era fanciullo»), che riporta ad una sfera umana, cui noi spesso diamo un significato più politico, segnalando come il tempo che passa rende le persone più conservatrici e tradizionaliste e meno pronte per questo ad accogliere le novità.
Mi veniva in mente, guardando - inchiodato sulla poltrona del cinema - "Il Ponte delle spie", l'ultimo film di Steven Spielberg.

La brutta storia della Processionaria

"In comprensori della Valle d'Aosta sono state segnalate infestazioni di Processionaria del pino. La Processionaria del pino (Traumatocampa pityocampa) è un lepidottero (farfalla) che nella fase larvale si nutre di aghi di conifere. Il nome "Processionaria" deriva dal comportamento delle sue larve, che si spostano in lunghe file indiane".
Questo l'incipit di un comunicato ufficiale della nostra Regione, che riguarda un fenomeno in corso, che è ancora più evidente in quest'inverno anomalo, in cui il gelo non ha bloccato questa bestiaccia.

Cittadinanza e terrorismo islamista

Manuel Valls su un caccia franceseIn Francia, patria di molti elementi a fondamento del pensiero politico moderno, si discute di questi tempi di una riforma costituzionale, che sembra lacerare la Sinistra in un vivace scambio polemico, che riguarda i valori profondi della democrazia e il rischio che certi strumenti giuridici facciano prevalere lo Stato di Polizia su quello di Diritto. O meglio: se le emergenze, come il terrorismo, giustificano misure straordinarie di compressione delle libertà, la scelta degli strumenti - dicono gli oppositori - non deve mai poter essere un pretesto per far vacillare alcuni capisaldi costituzionali.
Tema interessante, che l'Italia affrontò ai tempi del terrorismo e proprio la Francia reagì con freddezza alle scelte italiane, dando ospitalità a terroristi rossi e neri nel nome di una "dottrina Mitterand", dal nome del Presidente francese che la fece adottare nel 1982.

Il bob a Cervinia fra ricordi e rimpianti

Il bob esposto a Saint-VincentSono come una setta buona. Mi riferisco a "quelli del bob", intesa come la pista di bob del "Lac Bleu" di Breuil-Cervinia (1.520 metri di lunghezza con un dislivello di 139 metri) e a tutti quelli che vi ruotarono attorno. Come dei reduci, si sono ritrovati a "C'era una volta il bob (Cervinia 1963-1991)": mostra con documentazione varia su quegli anni, aperta sino all'inizio di gennaio nella "Galleria Civica" di via Chanoux a Saint-Vincent. A fare da ciceroni, a turno, atleti e appassionati che hanno vissuto quegli anni d'oro e ci sono pure due bob su cui ci si può sedere per il selfie d'ordinanza.
Qualche polemica la pista la creò sin dagli esordi.

Basta con i gufi

L'arrivo di Matteo Renzi, con i figli, a CourmayeurSia chiaro: sul senso di ospitalità dei valdostani non bisogna deflettere, per cui è giusto accogliere con il dovuto riguardo il premier Matteo Renzi, che starà qualche giorno a Courmayeur per sciare con la sua famiglia. Questo naturalmente non vuol dire far venir meno la libertà di giudizio sul suo operato, che è quanto faccio qui da anni, ritenendo molte sue azioni e tanti suoi comportamenti sbagliati e nocivi, anche nei confronti dell'autonomia valdostana. Vale il vecchio detto "Dagli amici mi guardi Iddio, che dai nemici mi guardo io".
Ancora sentendo la sua conferenza stampa di fine anno, non posso che confermare l'impressione di un progressivo suo distacco dalla realtà attraverso la creazione di un mondo autocelebrativo, fatto di successi e glorie, frutto di abile affabulazione, di marketing astuto e di un ambiente politico trasformato con rozzezza in un "teatrino dei pupi" fatto da amici e da nemici.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2020 Luciano Caveri