Per una politica senza zombi

Gli zombi di George RomeroOgni tanto ci si interroga sulla crisi dei partiti, che un tempo erano la spina dorsale della politica ed oggetto di fedeltà dei propri iscritti o simpatizzanti. Oggi è facile constatare che le certezze sono saltate e nulla è ormai più come prima: il cittadino ha un umore mutevole e considera ormai normale poter cambiare senza farsi dei problemi.
Sul fenomeno i politologi hanno versato un mare per scoprire le ragioni di questa umoralità dell'elettore che si muove sullo scacchiere della politica e che, se non convinto, usa l'arma dell'astensionisno. Anche in Valle quello del "non voto" è un grande partito e, se ci si aggiungono bianche e nulle, è il primo partito.
Trovo che una delle ragioni che portano alla mobilità e all'infedeltà dei cittadini sia sotto gli occhi di tutti e ben visibile in una Valle d'Aosta dove ribolle la campagna elettorale per le elezioni più sentite, le elezioni regionali. Chiamerei il fenomeno. con il titolo di un film horror, "La notte dei morti viventi", pellicola cult del 1968 del regista George A. Romero, che creò un filone sempre utilizzato da allora con la solita trama: dei poveri abitanti di una cittadina minacciata da orde di "zombi", termine diventato non a caso familiare nel linguaggio corrente e che si riaggancia alle credenze popolari delle Antille, dove si pensa che uno spirito soprannaturale possa dar vita vita ad un cadavere.
Proprio il voto, momento supremo della democrazia, diventa croce e delizia dei partiti e lo si constata nel piccolo mondo antico della politica valdostana. Ci sono partiti e politici che sono come i morti viventi e riappaiono solo in occasione delle elezioni, sparendo di fatto negli intervalli fra una consultazione e l'altra.
Capita cioè che molti partiti, un tempo tessuto di connessione della democrazia, siano scaduti a comitati elettorali che vivono solo per convogliare, con periodicità scandita dalle consultazioni popolari di vario genere. Come dei fuochi di paglia illuminano per un breve periodo la scena per poi chiudersi, con i propri eletti, nelle stanze dei famosi "Palazzi" di pasoliniana memoria. E per molti "zombi-politici" la politica e l'amministrazione non sono che un apostrofo fra un'elezione e l'altra e il lavoro quotidiano più che per il bene della comunità diventa la spasmodica accumulazione del consenso elettorale (come annoto, con altra prospettiva, nel "Calepin" qui a fianco).
Per cui anche questa ragione alimenta il movimentismo elettorale e l'antipolitica e, senza negare l'importanza delle elezioni, chi voglia cambiare i partiti deve sgonfiare il parossismo elettoralistico e cacciare chi pensa solo a quello, facendo una politica meschinella e senza speranza.

Commenti

E imporre il limite...

dei due mandati?
Funziona per i presidenti americani. Anche qui in Sudafrica il termine è fissato a due. Aggiungerei che agli "ex" non più eleggibili (o "trombati") dovrebbero essere preclusi posti nelle partecipate e fondazioni varie.
Anzi, privatizziamo anche quelle e tagliamo la testa al toro.

Io penso sempre...

che contino, oltre ai meccanismi che citi, anche capacità e curricula.
Se la logica è il premio al "fedelissimo" («a prescindere», come direbbe Totò), allora siamo mal messi.

Parole sante...

ma il tuo stesso post descrive una realtà assai diversa.
Se è l'occasione che fa l'uomo ladro, togli l'occasione e vedrai che sparisce anche il ladro.
Due mandati e poi... baracca!

Mi sfugge...

come privatizzare le cose possa aiutare, anzi.
Non mi ricordo di una sola privatizzazione in cui i servizi siano migliorati i prezzi siano scesi e gli utenti ne siano felici. Ci sarà un motivo no ?
Gli zombie e quelli mutevoli sono i politici vero? Perché io, da quando mi conosco, su per giù, ho sempre circa le stesse idee. Piuttosto che votare scheda bianca o nulla se non vedo nessuno che mi rappresenta, oggi come oggi, sarei tentato di votare il peggio che c'è in circolazione per dare una scossa (mortale, magari) al sistema.

Hai sempre..

un approccio originale.

Vedi un po' tu...

uno vota, tanto per dire, Union Valdôtaine, che poi dopo mette in maggioranza il Popolo della Libertà: se volevo il PdL in Consiglio votavo PdL. Uno vota Partito Democratico e poi formano un governo con il PdL, stesso discorso.
Vedi che è tanta la tentazione, alle prossime elezioni, di votare il partito che propone la ghigliottina per i politici!

Ghigliottina no grazie...

il rischio reale è che la ghigliottina poi finisca per funzionare sempre contro i poveri diavoli e non contro chi se lo è meritato.
Ho già ricordato una volta quel detto genovese un po' volgaruccio ma efficace: "cambiano i belini, ma i culi son sempre gli stessi...".

Antica...

saggezza...

Le privatizzazioni...

aiuterebbero a tagliare quel nesso tra quei politici interessati solo al consenso e non alla buona gestione e le attività produttive. La politica si deve occupare di regolare e controllare, da una posizione super partes, lasciando ai privati l'onore e soprattutto l'onere di fare impresa.
Altrimenti non stupisca che il buon cittadino debba pagare l'Imu e mettere tre ore per andare a Torino col treno (tanto per parlare di servizi efficienti).

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri