L'esprit de l'escalier

scale...Non bisogna, a fronte di questa situazione di attacco alla nostra autonomia speciale, avere un atteggiamento che anche in italiano si definisce con un interessante francesismo "esprit de l'escalier".
Una spiegazione dell'espressione la traggo dal sito francese assai simpatico espressio.fr: "D'où vient donc cette appellation? Dans son ouvrage "Paradoxe sur le comédien" écrit entre 1773 et 1778, Diderot disait : «l'homme sensible comme moi, tout entier à ce qu'on lui objecte, perd la tête et ne se retrouve qu'au bas de l'escalier».
Il voulait dire par là que si, au cours d'une conversation, on lui avait objecté quelque chose, il en perdait ses moyens et ce n'était qu'une fois sorti, arrivé en bas de l'escalier de son hôte (donc trop tard), que la réponse qu'il aurait dû faire lui venait à l'esprit.
L'escalier est ici le symbole de la déception de n'avoir pas dégainé à temps la réplique qui tue et qui met les rieurs de son côté, celle qui permet de briller en société".

Noi valdostani non dobbiamo magonare, scendendo le scale, per cose che avremmo dovuto dire e non abbiamo detto. So bene quanto da noi la battuta esista e , in una casistica dall'allegria pura all'umorismo sardonico, possa essere pronta e cambi anche a seconda della zona di provenienza (i numeri uno restano gli ayassin).
Ma in politica non siamo in società, ci sono logiche in cui le battute non bastano e bisogna usare la voce forte e chiara, quando si ritiene che si crei una situazione intollerabile. Io sono in questa fase e l'ho fatto non più tardi di ieri sera al "Conseil fédéral" dell'Union Valdôtaine, dove capita - per la democrazia, anzitutto - che non molti rompano il silenzio. Non perché manchino i temi, ma per timore di dire qualcosa di inopportuno. Mentre il dibattito obbliga a dirsi le cose, comprese quelle sgradevoli.
Chi ci voglia male è complesso da dire e mi riferisco all'ovvia banalità che non solo da fuori vengono i nemici (la logica delle "serpi in seno"). Ma da fuori ne arrivano di veleni e di miasmi e mi pare che esista ancora una qual certa timidezza nella reazione.
Mentre certe cose più che nella tromba delle scale (o nei bar) vanno dette sempre più nei luoghi deputati e arrischiando anche proteste non solo istituzionali. Ma i valdostani ci sono?
Altrimenti davvero «Roma doma».

Commenti

Parole, parole...

soltanto parole tra noi...

Ed intanto il Governo prepara la modifica del titolo V della Costituzione...

Se hai soluzioni...

più muscolari, avanti!

Sciopero ad oltranza?

blocco del tunnel del Monte Bianco, del traforo del Gran San Bernardo ed a Pont-Saint-Martin?
Andare domani a ritirare tutti i soldi dai conti bancari?

Soluzioni..

di soluzioni secondo me ce ne sarebbero per porre fine a questo dilagante e costante attacco alle autonomie, tuttavia diventa quanto mai necessario renderci inattaccabili e "puliti" agli occhi di coloro che ci guardano e ci giudicano negativamente dall'esterno, ossia il Governo sempre più accentratore, ma anche la popolazione italiana che non abita in realtà autonome e che vede, o alla quale fanno apparire attraverso televisioni e giornali nazionali le nostre particolarità, come semplici ed inaccettabili privilegi, senza ovviamente indagare le reali ragioni che stanno alla base di tale autonomia.
Come fare tutto questo? Facendo del nostro meglio per ridurre gli sprechi, ottimizzando i servizi, diminuendo i costi della politica a livello regionale, senza tuttavia intaccare l'attuale suddivisione amministrativa de "notre petite patrie", cioè scongiurando il pericolo di ridurre o accorpare i Comuni, il che avrebbe come unico effetto un peggioramento dei servizi offerti alla popolazione ed un progressivo abbandono delle aree e del territorio montano.
Se poi nel caso, una volta compiuta l'opera di "abbellimento" della nostra regione agli occhi degli italiani, continuassero gli attacchi alla nostra autonomia perché non procedere con azioni più muscolari come in Scozia, in Catalogna o comunque ad azioni che abbiano come scopo l'autodeterminazione del popolo valdostano?

Sottoscrivo e apprezzo...

i ragionamenti.

Merci bien...

les appreciations font toujours plaisir.

La situazione...

meriterebbe anche un ampio e costante dibattito radiotelevisivo un giorno sì e l'altro pure, altrimenti per la gente comune la sensazione è più o meno da "«tout va très bien madame la marquise».

E anche perché no...

la creazione di un forte fronte autonomista di tutte le forze veramente tali della Valle d'Aosta, tralasciando alleanze con partiti che con l'autonomia valdostana non hanno nulla a che spartire, solo così si potrà governare per il bene esclusivo della Valle d'Aosta e dei valdostani.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri