L'inspiegabile rassegnazione

Lo storico palazzo della Provincia di BariGli avvenimenti di questi ultimi anni, così come in una sorta di concentrato esemplare dimostrano i fatti delle ultime settimane sino all'apoteosi della "spending review", sono la rappresentazione evidente della forbice italiana fra il "dire" e il "fare".
Nel 2001, quando venne riscritto il Titolo Quinto della vigente Costituzione sulla democrazia locale, l'aria pseudofederalista dell'epoca sortì - e io seguii passo a passo il confronto - quell'articolo 114 che così recita:
"La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione. Roma è la capitale della Repubblica. La legge dello Stato disciplina il suo ordinamento".  
Per disinnescare il potenziale eversivo del leghismo quella riforma di allora mirava a spingere il regionalismo verso orizzonti nuovi. L'articolo citato ne è un esempio: un federalismo all'italiana che, a parole, ricostruisce la Repubblica partendo dal basso e salendo verso l'alto. Noterete che lo Stato viene issato in cima ma sulle spalle di una Repubblica delle autonomie.
Quella riforma costituzionale, che io non votai perché non risolse il problema della previa intesa per dare un fondamento giuridico davvero pattizio alle autonomie speciali come la nostra, restò in buona parte "lettera morta" e anzi l'"indietro tutta" è fenomeno evidente che ha assunto proporzioni impensabili negli ultimi mesi.
Siamo ormai, sull'onda della crisi economica e di una lunghissima campagna sugli sprechi delle Regioni (che in certi casi se la sono davvero cercata), ad un passaggio decisivo verso non solo l'affermazione di un centralismo pericoloso perché non corrispondente ad uno Stato centrale autorevole ed efficiente, ma siamo ad un'azione di smantellamento dell'autonomia comunale e regionale (sulla chiusura delle Province sono da sempre favorevole).
Sarebbe ora che a questa deriva della democrazia proprio Regioni ed Enti locali rispondessero con forza e non con quella sorta di inspiegabile rassegnazione che oggi si registra, come se questa eutanasia politica in corso fosse qualcosa di ineluttabile.

Commenti

Società in house...

ancorché il presidente si opponga, ritengo corretto che le società cosiddette "in house" siano liquidate e restituite le competenze agli Assessorati (vedi "Vda Structure").
E' incredibile come tanti sprechi possano tollerarsi in un momento di crisi generale!

Con il decreto spending review...

per molte partecipate si va al "redde rationem".

E della gente...

che ci lavora, nelle società "in house", che ne facciamo?

Immagino...

che, se sarà il caso, andranno trovate soluzioni.
Ma ora va vista la legge, in fase di conversione.

Resta la...

grande incognita di "Finaosta".

Redde rationem...

l'evangelista racconta di un uomo ricco che aveva affidato la gestione dei propri beni ad un amministratore. Quando gli giungono all'orecchio voci di una allegra gestione del patrimonio affidatogli, lo chiama alla propria presenza e gli chiede conto del suo operato dicendo: «redde rationem villicationis tuae: iam enim non poteris villicare» (Rendimi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare).

I dipendenti...

delle società "in house" non sono stati assunti con regolare concorso pubblico, ma con semplice colloquio con valutazione. oltremodo soggettiva. Lo stesso dicasi per consulenze ed incarichi affidati a soggetti esterni.
Non possono esistere due pesi e due misure!

Questo vorresti dire?

Concorso pubblico = buoni;
Colloqui con valutazione = cattivi.

Dipendenti...

mi pare corretto che tutti i dipendenti delle Pubbliche amministrazioni accedano al posto con concorso pubblico: che siano buoni o cattivi non sta a me dirlo.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri