November 2011

E' bene parlarne

La manovra finanziaria del nuovo Governo Monti non avviene in un momento ordinario. Si tratta di una sorta di via di fuga per salvare la pelle mentre la casa brucia. 
Quel che frustra non è la portata dei sacrifici e dei tagli perché l'emergenza è palpabile, ma la rete di bugie sulla reale situazione del Governo Berlusconi sin dall'inizio della legislatura nel 2008, quando il centro-destra aveva una maggioranza amplissima in Parlamento. 
Ad ogni manovra Finanziaria le rassicurazioni erano del genere «i conti sono a posto», «siamo i più solidi in Europa», «non ci sarà bisogno di manovre aggiuntive».
La realtà era occultata da trucchi e inganni e io mi sentivo scemo quando a Bruxelles mi dicevano che i conti italiani andavano male e che sarebbe arrivata la resa dei conti sul peso del debito pubblico italiano.

Una vicenda da chiarire

Lucio MagriNon ho mai conosciuto Lucio Magri, ma l'ho incontrato molte volte alla Camera dei deputati, dove aveva fatto una legislatura e che frequentava come giornalista. Era certamente un personaggio rispetto al quale avevo qualche pregiudizio, sembrandomi un esempio classico di quella che i francesi chiamano "gauche caviar".
Mai avrei pensato che sarebbe diventato il simbolo di una vicenda tragica. Se quel che è stato scritto è vero, il suo sarebbe stato un "suicidio assistito", avvenuto in Svizzera, come epilogo drammatico di un periodo di depressione e la scelta sarebbe stata ben nota alla sua cerchia di amici.
Trovo che questa vicenda - che mi fa venire i brividi per la sua dinamica - nuocerà a chi, come me, ritiene una scelta legittima quella dell'eutanasia a fronte di una malattia giunta ad uno stadio terminale, quando la vita non è più tale. Naturalmente ciò dovrebbe avvenire con regole e tempistiche precise e con un'espressione chiara di volontà. Lo Stato, in certe situazioni, deve fare un passo indietro.
E' tutta diversa, rispetto allo scenario di un'agonia senza speranza, la scelta di un "suicidio pilotato" a fronte di una pur grave depressione, che anche nei suoi esiti più terribili non è mai incurabile.
Per cui vorrei davvero che nei giorni a venire ci venisse raccontato tutto. Se è vero, infatti, che nel maggio scorso un referendum popolare contro l'eutanasia come "turismo della morte" ha finito in Svizzera per confermare l'apertura della pratica ai cittadini stranieri, mi pareva che restasse il concetto chiave di "malato terminale".
La "vicenda Magri" indicherebbe un attitudine diversa davvero allarmante.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri